Hotel San Bartolomeo. Conformità in zona sismica

All. 2 Certificato di conformità uff del Genio Civile_Pagina_2

fonte http://arig.myblog.it 

Il certificato del 14 Giugno 1983 , rilasciato dal Genio Civile di Palermo ex art. 28 della Legge n.64 del 2.02.1974 (ndr zona sismica), conferma che “i lavori sono stati regolarmente autorizzati da “Questo Ufficio con nota n° 17.844 del 1.10.1980 che prevedeva la costruzione di un albergo”.

All. 1 Certificato di conformità uff del Genio Civile_Pagina_1

Prima dell’1.10.1980 “nessun lavoro edilizio poteva essere iniziato” (art. 18 L. n. 64/1974), con ciò sospendendo la “decorrenza annuale della concessione edilizia n. 331/1978 dei Bonura”. Il Comune di Ustica, in pari data, veniva informato a mezzo trasmissione del certificato di Conformità e di efficacia della concessione edilizia n. 331/1978 dall’Ufficio del Genio Civile di Palermo.

Dunque in data 14 giugno 1983 il Genio Civile di Palermo rilascia la Conformità all’albergo San Bartolomeo di Ustica secondo gli articoli 17 e 18 della Legge n.64/1974 (ndr zona sismica) confermando la piena efficacia della concessione edilizia n. 331/1978.

Questo breve sunto di un errore giuridico, e “orrore giudiziario“, lungo quasi 38 anni, per Chi ancora non vuole leggere nè intendere…intelligenti pauca…

Pubblicato in "Amministrazioni allegre", "In che mani è la Giustizia?!!", Caso giudiziario e documenti, STORIE VERE, ultimissime, Ustica | Lascia un commento

Ischia. Procura valuta inchiesta. Sindaci “no abusivismo”. Protezione civile “case scadenti”

Ischia foto ANSA

Ischia foto ANSA

Rassegna stampa
Melillo, nel quadro delle valutazioni possibili al momento, un’inchiesta contro ignoti per disastro colposo e omicidio colposo plurimo

(ANSA) – ROMA. La Procura di Napoli sta valutando l’ipotesi di aprire un’inchiesta contro ignoti per disastro colposo e omicidio colposo plurimo in seguito ai danni provocati dal terremoto avvenuto ieri sera sull’isola di Ischia. Redazione ANSA ROMA 23 agosto 2017
“Sono nel quadro ordinario delle valutazioni possibili in questo momento”‘ ha dichiarato Giovanni Melillo, capo della procura di Napoli, ai microfoni di ‘6 su Radio 1’.
Melillo ha poi specificato che si tratta di un quadro complesso e bisognoso di approfondimenti”.

Il bilancio definitivo delle cure prestate dai medici dell’ospedale e del 118 è di 42 feriti, di cui solo 16 hanno richiesto un ricovero. Uno di essi è stato trasferito già nella notte di ieri al Cardarelli di Napoli, a causa di gravi ferite che richiedevano cure di alta specializzazione: l’uomo è ricoverato con prognosi riservata. http://www.ansa.it/campania/notizie/2017/08/21

La nostra non è una collettività di abusivi. Ora basta“, ha detto il sindaco di Ischia Enzo Ferrandino, che ha lanciato un appello alla stampa: “Dite come realmente stanno le cose”. ANSA

Terremoto Ischia, Protezione civile: “Case con materiali scadenti”.

Perché un terremoto di magnitudo 4.0 fa tanti danni? A questa domanda contribuirà a rispondere l’indagine già avviata dalla Procura di Napoli, a partire dalla relazione che stenderanno i vigili del fuoco e dalle analisi che potranno essere demandate ad altri esperti. http://tg24.sky.it/cronaca/2017/08/22

Pubblicato in inchieste, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | 1 commento

A tutti gli amici e lettori del blog

A tutti gli amici e lettori de blog

Pubblicato in ultimissime | Lascia un commento

Cassazione: 8 anni a ex pm, corruzione in atti giudiziari

download

 

 

 

 

 

 

 

Per Matteo Di Giorgio scatterà ordine di carcerazione

L’ex pm avrebbe infatti minacciato un imprenditore e altre persone, anche per proteggere un parente, e avrebbe messo in atto azioni dirette a garantire l’attività di un bar ritenuto dall’accusa completamente abusivo. ANSA Taranto 8 agosto 2917 Leggi tutto

 

Pubblicato in "In che mani è la Giustizia?!!", Giudici & manette, RASSEGNA STAMPA | Lascia un commento

Rifiuti, Sicilia, “rischio commissariamento”

Fonte La Sicilia

Fonte La Sicilia

Rassegna stampa

Gestione rifiuti, Galletti “bacchetta” Crocetta e minaccia commissariamento

Roma – Il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti bacchetta il governatore siciliano Rosario Crocetta per la gestione dei rifiuti in Sicilia e non esclude l’ipotesi di un commissariamento. http://www.lasicilia.it/ 7 agosto 2017

Come ti è noto – gli scrive – secondo le disposizioni vigenti, ho concesso un’ulteriore intesa ad un’ordinanza regionale, per far fronte alle emergenze nella gestione dei rifiuti in Sicilia, che all’evidenza non lasciano intravedere facili ed immediate risoluzioni“. LEGGI TUTTO

Rifiuti, Sicilia, la raccolta differenziata finisce in discarica www.ragusanews.com 18.07.2017

Lo dice l’Ufficio speciale della Regione. “Lo stesso Cocina nella sua relazione scrive che in almeno 50 Comuni, soprattutto nella Sicilia orientale, l’ immondizia separata in casa dagli abitanti viene poi confusa con l’indifferenziata al momento di essere smaltita.LEGGI TUTTO http://www.ragusanews.com

Pubblicato in "Amministrazioni allegre", Attualità, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Incendi. Sicilia, “mancata prevenzione e disastro ambientale”

 

 

 

 

 

 

 

Rassegna stampa

L’INCHIESTA. Incendi e prevenzione non fatta, acquisiti atti alla Regione di Riccardo Arena— 25 Luglio 2017

Il Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza bussa alle porte della Protezione civile e di due assessorati regionali, Territorio e Foreste, acquisisce carte e documenti anche attraverso Internet, chiede decreti e provvedimenti a Palazzo d’Orleans: la Procura di Palermo passa all’offensiva sul fronte dell’inchiesta che punta a capire se una parte delle responsabilità degli incendi che stanno devastando l’Isola sia da ricondurre alla mancata prevenzione, agli aerei e agli elicotteri che non ci sono, al servizio di antincendio che – metafora che è quasi un ossimoro – per ciò che si vede in questi giorni di emergenza, fa acqua da tutte le parti. Fonte http://gds.it/2017/07/25/

http://gds.it/tag/incendi-in-sicilia/

Pubblicato in inchieste, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Voto di scambio e minacce: arrestati consigliere ed ex sindaco

1472807_699341646745132_256688988_n1[1]

I carabinieri del Comando provinciale di Cosenza hanno eseguito gli arresti dell’ex sindaco di Amantea e già consigliere regionale ed di un consigliere di maggioranza “per voto di scambio e tentata estorsione in concorso nonché, il consigliere comunale, anche per tentata violenza privata, in relazione alle amministrative svoltesi nel giugno scorso“. Secondo l’accusa i due avrebbero fatto pressioni per ottenere il voto da una famiglia. ( (fonte http://www.ansa.it)

“avrebbero esercitato “pressioni”  nei confronti di un uomo al fine di indurre la sua fidanzata e la famiglia della stessa a votare per il consigliere comunale minacciandolo che altrimenti, alla ragazza, non sarebbe stato rinnovato il contratto di lavoro a termine in una scuola materna gestita dal comune di Amantea attraverso una cooperativa.

(fonte http://www.ansa.it)

Pubblicato in "Amministrazioni allegre", Comuni & inchieste, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

19 luglio 1992. I Giudici Falcone e Borsellino vivi nella memoria del lavoro svolto

575914_606335016045796_547148260_n

Gli uomini vivono nel ricordo delle azioni compiute nel passato,

lasciando un esempio da seguire e condividere

nello scorrere del tempo futuro…

 

Fiammetta Borsellino. Lo sfogo della figlia di Paolo Borsellino, “i suoi colleghi non ci frequentano”. Corriere della Sera, 17 luglio 2018, di Felice Cavallaro http://www.corriere.it/

L’AUDIZIONE. Via D’Amelio, Fiammetta Borsellino: serviva più vigilanza sui processi, buttati via 25 anni http://palermo.gds.it/ 19 Luglio 2017

Pubblicato in Giudici integerrimi, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | 1 commento

Torre Annunziata, disastro colposo

I vigili del fuoco estraggono l'ultimo corpo dalle macerie della palazzina crollata a Torre Annunziata, Napoli, 8 luglio 2017.ANSA/CESARE ABBATE/

I vigili del fuoco estraggono l’ultimo corpo dalle macerie della palazzina crollata a Torre Annunziata, Napoli, 8 luglio 2017. fonte ANSA/CESARE ABBATE/

Collassano 4 piani, 8 morti. Disastro colposo e omicidio plurimo.

Torre Annunziata, otto le vittime del crollo, bilancio definitivo. Due i piani che si sono sbriciolati risucchiando anche due bambini di 8 e 14 anni (fonte http://www.ansa.it)

La Procura di Torre Annunziata ha posto sotto sequestro l’area interessata dal crollo della palazzina. La Procura già ieri ha aperto un fascicolo per disastro colposo e omicidio plurimo. Non risultano al momento persone indagate.

“Sotto accusa i lavori di ristrutturazione in corso nei primi due piani dell’edificio anni Cinquanta che si affaccia sulla strada ferrata della linea ferroviaria che congiunge Napoli con Salerno. E già divampano le polemiche per delle avvisaglie che sarebbero state sottovalutate” (fonte http://www.ansa.it)

Pubblicato in ARTICOLI, inchieste, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Ustica, danno ambientale, Sindaco, ex UTC e funzionario a processo

Depuratore-sindaco-sotto-inchiesta-

Leggiamo & Pubblichiamo

Il blog locale “Ustica sape” ha pubblicato l’articolo, firmato dal giornalista Riccardo Arena del quotidiano “Giornale di Sicilia”, sul rinvio a giudizio del Sindaco pro tempore Dott. Attilio Licciardi, dell’ex Capo UTC Ing. Giuseppe Riccio e del funzionario Claudio Gucciardi, “per danno ambientale”.

L’udienza è stata fissata per il prossimo giugno 2018; il rinvio a giudizio è stato firmato dal Pm Dott.ssa Claudia Ferrari.  (fonte: www.usticasape.it )

Tra le ipotesi di reato contestate: “ il malfunzionamento del depuratore in contrada Falconara riscontrato circa tre anni fa; lo sversamento di liquami e reflui non trattati insieme ad una contravvenzione per danneggiamento di bellezze naturali e paesaggistiche”.

Un gruppo di cittadini si costituirà “parte civile” in quanto non ha reputato sufficienti gli interventi di manutenzione disposti dagli uffici comunali competenti.

Leggi tutto

Pubblicato in Comuni & inchieste, Leggiamo & pubblichiamo, ultimissime, Ustica | 3 commenti

P.A. & mafia, arrestati due sindaci pugliesi

1472807_699341646745132_256688988_n11

Mafia: 27 arresti in Puglia, coinvolti due sindaci

“Il presunto clan, secondo gli inquirenti, mirava a strutturarsi in “centro di potere” in grado di relazionarsi con le realtà istituzionali e con la società civile (fonte http://www.ansa.it/puglia/notizie/2017/07/04/) attraverso la sua capacità di infiltrarsi nel tessuto economico-imprenditoriale locale, operava in diversi settori, dall’aggiudicazione di appalti pubblici alle estorsioni, dall’imposizione nelle attività di “movimento terra” al riciclaggio, creando un clima di intimidazione nei confronti di numerosi imprenditori locali che venivano così soggiogati al sistema mafioso”(fonte http://www.ansa.it/puglia/notizie/2017/07/04/) .

Pubblicato in "Amministrazioni allegre", ARTICOLI, Comuni & inchieste, Comuni & mafia, RASSEGNA STAMPA, Sindaci & manette, ultimissime | Lascia un commento

Sicilia, Pg “irregolare rendiconto 2016”

download

Rassegna stampa

Pino Zingale, Procuratore Generale della Corte dei Conti Regione Sicilia, oggi ha chiesto ai giudici contabili “di non approvare il rendiconto generale per il 2016 della Regione siciliana perché presenterebbe delle irregolarità” (fonte http://www.ilmessaggero.it/30 giugno 2017). Richiesta che per la sua gravità non era mai stata espressa in precedenza.

Il Pg, inoltre, in sede di parifica del rendiconto, ha contestato la mancata istituzione dei tre fondi che avrebbero dovuto garantire la copertura del “ rischio spese legali”, “di potenziali passività legate alle operazioni finanziarie fatte su prodotti derivati” e di “eventuali perdite degli organismi pubblici controllati dalla Regione” (fonte http://www.ilmessaggero.it/30 giugno 2017).

Corte conti, in aumento spesa Regione, Ai raggi x rendiconto generale del 2016 http://www.ansa.it/sicilia/ 30 giugno 2017

Dunque il giudizio sul rendiconto 2016 è stato rinviato al prossimo 19 luglio, con ulteriore termine di scdenz del 10 luglio, giorno entro cui la Regione dovrà rispondere alla “richiesta di chiarimenti” (fonte http://gds.it/2017/06/30).

Pubblicato in ARTICOLI, POLITICA, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | 2 commenti

IRFIS, inchiesta tra Agrigento e Palermo

20160514110914-20160421130637-guardia-finanza-arresti-foggia

Rassegna stampa

Agrigento, Blitz Giano bifronte: 28 indagati, tutti i nomi (ft e vd)

http://www.grandangoloagrigento.it 21 giugno 2017

I militari della Guardia di Finanza di Agrigento, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, stanno eseguendo misure custodiali e interdittive nei confronti di 15 persone residenti nella provincia di Agrigento e Palermo per reati contro la pubblica amministrazione, e per venti episodi di corruzione. ( www.grandangoloagrigento.it)

Operazione Giano bifronte, intervista Col Sava

Pubblicato in RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Corruzione. Il Vaticano pensa a “scomunica”

images

Studi sulla corruzione e sulla punizione per i “corrotti” 

Una nota dalla Città del Vaticano, diffusa dall’ANSA , riguarda il tema della corruzione e della punizione per i “corrotti” oggetto di un seminario su questo reato, che apre ad un confronto sul piano della dottrina giudica della Chiesa su quello internazionale.

La Santa sede “sta provvedendo all’elaborazione di un testo condiviso che guiderà i lavori successivi e le future iniziative”. C’è al vaglio la possibilità di considerare “la scomunica” come conseguenza a carico di chi si macchi di questo reato, al pari del colpevole per associazione mafiosa. (ANSA).

Pubblicato in RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Strasburgo: “Italia indietro sull’anti-corruzione”

Strasburgo, Consiglio d'Europa

Strasburgo, Consiglio d’Europa

Rapporto annuale del “Greco”, organo del Consiglio d’Europa

http://www.ansa.it 07 giugno

Il Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO organo del Consiglio d ‘Europa) lo scorso 7 giugno 2017, come da fonte ANSA, ha indicato che “Per Strasburgo l’Italia è indietro sull’anti-corruzione”, perchè è “uno tra i Paesi che rispettano meno gli standard anti-corruzione europei”.

L’ultimo rapporto annuale indica che l’Italia, nel corso degli ultimi cinque anni, ha sviluppato solo per il 33% le raccomandazioni sulle metodologie di prevenzione e individuazione del reato di corruzione. Gli Stati, secondo il Greco, “hanno la tendenza a fare troppo affidamento sugli elementi repressivi della lotta alla corruzione, e a sottovalutare troppo spesso la forza ed efficacia dei meccanismi di prevenzione, che ora sono o troppo deboli o del tutto assenti” (Ansa).

Un’altra raccomandazione è stata poi rivolta dal GRECO alla “regolamentazione della pratica che vede giudici passare alla politica e poi magari tornare alla magistratura”, questo fenomeno emerge particolarmente in  Italia e in Olanda. Il GRECO raccomanda di stabilire idonei meccanismi che evitino “il rischio inevitabile, reale o percepito, che la magistratura sia politicizzata“. (ANSA)

Pubblicato in ARTICOLI, GIUSTIZIA, POLITICA, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento