IRFIS, inchiesta tra Agrigento e Palermo

20160514110914-20160421130637-guardia-finanza-arresti-foggia

Rassegna stampa

Agrigento, Blitz Giano bifronte: 28 indagati, tutti i nomi (ft e vd)

http://www.grandangoloagrigento.it 21 giugno 2017

I militari della Guardia di Finanza di Agrigento, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, stanno eseguendo misure custodiali e interdittive nei confronti di 15 persone residenti nella provincia di Agrigento e Palermo per reati contro la pubblica amministrazione, e per venti episodi di corruzione. ( www.grandangoloagrigento.it)

Operazione Giano bifronte, intervista Col Sava

Pubblicato in RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Corruzione. Il Vaticano pensa a “scomunica”

images

Studi sulla corruzione e sulla punizione per i “corrotti” 

Una nota dalla Città del Vaticano, diffusa dall’ANSA , riguarda il tema della corruzione e della punizione per i “corrotti” oggetto di un seminario su questo reato, che apre ad un confronto sul piano della dottrina giudica della Chiesa su quello internazionale.

La Santa sede “sta provvedendo all’elaborazione di un testo condiviso che guiderà i lavori successivi e le future iniziative”. C’è al vaglio la possibilità di considerare “la scomunica” come conseguenza a carico di chi si macchi di questo reato, al pari del colpevole per associazione mafiosa. (ANSA).

Pubblicato in RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Strasburgo: “Italia indietro sull’anti-corruzione”

Strasburgo, Consiglio d'Europa

Strasburgo, Consiglio d’Europa

Rapporto annuale del “Greco”, organo del Consiglio d’Europa

http://www.ansa.it 07 giugno

Il Gruppo di Stati contro la corruzione (GRECO organo del Consiglio d ‘Europa) lo scorso 7 giugno 2017, come da fonte ANSA, ha indicato che “Per Strasburgo l’Italia è indietro sull’anti-corruzione”, perchè è “uno tra i Paesi che rispettano meno gli standard anti-corruzione europei”.

L’ultimo rapporto annuale indica che l’Italia, nel corso degli ultimi cinque anni, ha sviluppato solo per il 33% le raccomandazioni sulle metodologie di prevenzione e individuazione del reato di corruzione. Gli Stati, secondo il Greco, “hanno la tendenza a fare troppo affidamento sugli elementi repressivi della lotta alla corruzione, e a sottovalutare troppo spesso la forza ed efficacia dei meccanismi di prevenzione, che ora sono o troppo deboli o del tutto assenti” (Ansa).

Un’altra raccomandazione è stata poi rivolta dal GRECO alla “regolamentazione della pratica che vede giudici passare alla politica e poi magari tornare alla magistratura”, questo fenomeno emerge particolarmente in  Italia e in Olanda. Il GRECO raccomanda di stabilire idonei meccanismi che evitino “il rischio inevitabile, reale o percepito, che la magistratura sia politicizzata“. (ANSA)

Pubblicato in ARTICOLI, GIUSTIZIA, POLITICA, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Inchiesta su CGA siciliano

index

Il “Csm” della giustizia amministrativa apre un’indagine sul Cga siciliano

Il responsabile della commissione disciplinare della Presidenza della giustizia amministrativa, Guzzetta: “Già avviata una specifica attività istruttoria”. E sugli articoli di Repubblica Palermo che hanno sollevato diverse ombre: “Ce ne occuperemo nella prima seduta utile”

http://palermo.repubblica.it/ di ANTONIO FRASCHILLA

07 giugno 2017

Dopo un articolo di Repubblica Palermo sulle “ombre e le inchieste nel Cga siciliano”, nel quale si faceva riferimento a un esposto presentato da alcuni avvocati per chiedere un intervento del “Csm” della giustizia amministrativa.

Con riferimento alle informazioni ricavabili dall’articolo, restando in attesa del preannunziato esposto, la questione sarà comunque posta all’ordine del giorno della prossima seduta della Commissione disciplinare, anche al fine di valutare – eventualmente insieme ad altre Commissioni – gli ulteriori accertamenti e le ulteriori iniziative di competenza che, allo stato, possano essere assunte”. Leggi tutto

Pubblicato in ARTICOLI, GIUSTIZIA, ultimissime | Lascia un commento

Ustica Scuole: Campanella “Ho aspettato, ora tutto alla magistratura”

Leggiamo & pubblichiamo

SCUOLA: CAMPANELLA “4MLN PER RISTRUTTURARE LA PICCOLA SCUOLA DI USTICA È UNA CIFRA ASSURDA

Fonte http://www.usticasape.it/ 

La Scuola di Ustica è un istituto di dimensioni piccolissime, eppure ha ricevuto 4 milioni e 400mila euro di finanziamento dal CIPE per il recupero e il risanamento di alcuni plessi. Una cifra quantomeno esagerata che non convince il Senatore Francesco Campanella che con un atto ispettivo ha sollecitato il ministro dell’istruzione, delle infrastrutture e dei trasporti nonché dello sviluppo economico, a fare chiarezza e, se fosse necessario, intervenire per accertare eventuali anomalie. L’interrogazione è stata presentata a settembre del 2016 e visto che nessuna risposta è pervenuta il senatore ha deciso di rivolgersi alla magistratura per fare chiarezza sulla vicenda, così ieri, lunedì 5 giugno ha presentato un esposto in procura a Palermo. Continua a leggere

Pubblicato in "Amministrazioni allegre", "Scuole abusive", Leggiamo & pubblichiamo, ultimissime, Ustica | Lascia un commento

Castelvetrano, mafia nell’amministrazione, sciolto

 

la-famiglia

Rassegna stampa

Mafia, sciolto il consiglio comunale di Castelvetrano

http://www.adnkronos.com/ 06/06/2017 

Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interni Marco Minniti, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Castelvetrano (Trapani) per accertati condizionamenti dell’attività amministrativa da parte della criminalità organizzata. Lo rende noto Palazzo Chigi.

La gestione dell’ente, precisa il comunicato del Cdm, già sciolto per motivi amministrativi, viene pertanto affidata per un periodo di diciotto mesi a un’apposita commissione, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali.

KLICCA Castelvetrano, “verifica infiltrazioni mafiose” 20 marzo 2017

Pubblicato in "Amministrazioni allegre", articoli,giustizia, Boss & professionisti, Comuni & inchieste, Comuni & mafia, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Stragi ’92. “Mafia, simbiosi di complici e cantori”, Giovanni Falcone

falcone-e-borsellino

“Avete chiuso cinque bocche, ne avete aperte 50 milioni.” Giovanni Falcone

“La mafia, lo ripeto ancora una volta, non è un cancro proliferato per caso su un tessuto sano. Vive in perfetta simbiosi con la miriade di protettori, complici, informatori, debitori di ogni tipo, grandi e piccoli maestri cantori, gente intimidita o ricattata che appartiene a tutti gli strati della società.

Questo è il terreno di coltura di Cosa Nostra con tutto quello che comporta di implicazioni dirette o indirette, consapevoli o no, volontarie o obbligate, che spesso godono del consenso della popolazione.”
Giovanni Falcone, Cose di cosa nostra

Pubblicato in Giudici integerrimi, STORIE VERE, ultimissime | Lascia un commento

“Mare monstrum”. Inchiesta su politica & infrastrutture

 

 

 

 

 

 

 

Rassegna stampa

CORRUZIONE. Indagine di Trapani, per Morace arresti domiciliari: arriva il sì dei pm http://trapani.gds.it 26 Maggio 2017

Sistema Trapani, indagato l’armatore Vincenzo Franza. Concorso in corruzione http://www.gazzettadelsud.it 22 maggio 2017

Trapani, inchiesta per corruzione: indagato anche il presidente della Regione Crocetta http://www.ilmessaggero.it/ 19 maggio 2017

Corruzione: indagata Simona Vicari

http://www.ansa.it/sicilia/notizie 19 maggio 2017

Il sottosegretario alle Infrastrutture Simona Vicari (Ap) è indagata per corruzione nell’ambito dell’indagine che ha portato all’arresto, tra gli altri, dell’armatore Ettore Morace e del candidato sindaco a Trapani Girolamo Fazio.

IL BLITZ DI TRAPANI

http://trapani.gds.it/19 maggio 2017

L’armatore Ettore Morace, nelle sue mani il 90% delle tratte marittime siciliane

Del gruppo Liberty fa parte la famiglia degli armatori Franza di Messina. La società Ustica Lines è balzata agli onori della cronaca un paio di anni addietro quando Vittorio Morace fermò i traghetti e minacciò di licenziare i dipendenti, perché, a seguito di un contenzioso contrattuale con la Regione, l’Ente non aveva elargito i contributi.

CAOS SULLE AMMINISTRATIVE Da Fazio a D’Ali, i provvedimenti giudiziari che sconvolgono la corsa a sindaco di Trapani

Pubblicato in "I(m)prenditori & manette...", articoli,giustizia, Attualità, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Giustizia. Inchieste e audizioni CSM

images

Rassegna stampa

L’INCHIESTA. Caso Tutino, denuncia della difesa: “Allora si indaghi pure su chi ha firmato le cartelle”

http://palermo.gds.it/  di Simona Licandro— 11 Maggio 2017

PALERMO. La difesa dell’ex primario di Villa Sofia, Matteo Tutino, rappresentata dagli avvocati Carlo Taormina e Sabrina Donato, ha presentato una denuncia alla procura di Caltanissetta per indagare sul fatto che non sia stato coinvolto anche il dottore Giuseppe Cuccia nell’inchiesta della procura di Palermo sulla presunta truffa alla Regione per operazioni di chirurgia estetica non funzionali ed eseguite nell’ospedale.

Le cartelle cliniche sono state firmate tutte dal dottore Cuccia, marito del pm Claudia Ferrari sostituto procuratore a Palermo – ha spiegato TutinoLeggi tutto

Procura Siracusa, sostituti in trasferta per audizioni Csm

http://www.lasicilia.it 10/05/2017

Continua a leggere

Pubblicato in articoli,giustizia, Consiglio Superiore Magistratura, GIUSTIZIA, inchieste, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Repost: Ustica, Hotel San Bartolomeo. Il GIP: “gravi errori civili e amministrativi” da la tua voce libera

Lo scorso 6 febbraio 2017, dopo due anni dalla denuncia sporta dal Sig. Baldassare Bonura, volta a tutelare il diritto reale di proprietà dell’Hotel San Bartolomeo di Ustica contro la Pubblica Amministrazione, il Gip del Tribunale di Palermo ha depositato la 6^ archiviazione, che, ragionevolmente, nei fatti, smentisce le cinque precedenti emesse da Pm e Gip di Palermo negli ultimi quindici anni.

Commenti disabilitati su Repost: Ustica, Hotel San Bartolomeo. Il GIP: “gravi errori civili e amministrativi” da la tua voce libera

“Scuole abusive”, sequestro, truffa & aggravante mafiosa

images

Sequestrate due scuole pubbliche a Locri

Contestati truffe e abusi con l’aggravante mafiosa

ANSA LOCRI (REGGIO CALABRIA) 07 aprile 2017

I carabinieri del Gruppo di Locri hanno sequestrato i due immobili che ospitano nella cittadina jonica reggina l’Istituto statale d’arte e l’Istituto professionale statale per l’industria e l’artigianato, frequentati da circa 800 studenti, perché “totalmente abusivi“.

 I militari, nell’ambito della stessa indagine, hanno eseguito 15 provvedimenti restrittivi della libertà personale, arresti e altre misure cautelari, su ordine della Dda di Reggio Calabria, accusate, a vario titolo, di truffa, abuso d’ufficio e frode nelle pubbliche forniture, reati tutti aggravati della modalità mafiose per i presunti rapporti degli indagati con la cosca di ‘ndrangheta dei Cordì. I militari hanno bloccato l’ingresso degli studenti nelle due scuole superiori di Locri. I provvedimenti di sequestro sono stati notificati ai due dirigenti degli istituti. Nell’indagine sono coinvolti anche ex amministratori e funzionari del Comune di Locri e della Provincia di Reggio Calabria. Leggi tutto

Pubblicato in "Amministrazioni allegre", "Scuole abusive". inchieste, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Trapani, indagati funzionari e operatori del Tribunale

20160514110914-20160421130637-guardia-finanza-arresti-foggiaRassegna stampa

GIOVEDÌ SONO STATI PERQUISITI GLI UFFICI DEI TRE Perquisizioni e sequestri. Tre impiegati del Tribunale di Trapani indagati per violazione del segreto di ufficio

http://www.ilsicilia.it  27/03/2017

L’indagine ha scosso il tribunale di Trapani e tra i corridoi non si parla d’altro. Tre impiegati del tribunale di Trapani sono indagati per violazione del segreto di ufficio. Il bubbone è emerso giovedì scorso quando i militari della Guardia di Finanza della sezione di Pg presso la Procura hanno perquisito i loro uffici. L’inchiesta, sulla quale vige il massimo riserbo, viene condotta dalla locale Procura coordinata dal procuratore aggiunto Ambrogio Cartosio e dal sostituto Marco Verzera.

Durante le procedure, che hanno coinvolto gli uffici e le abitazioni dei tre, sono stati sequestrati computer (d’ufficio e privati) e smartphone. I tre indagati hanno chiesto il dissequestro dei supporti informatici sequestrati. Leggi tutto

 

 

Pubblicato in articoli,giustizia, GIUSTIZIA, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Ustica, Hotel San Bartolomeo. Il GIP: “gravi errori civili e amministrativi”

Archiviazione Gip jpeg

Comunicato

http://arig.myblog.it/

Lo scorso 6 febbraio 2017, dopo due anni dalla denuncia sporta dal Sig. Baldassare Bonura, volta a tutelare il diritto reale di proprietà dell’Hotel San Bartolomeo di Ustica contro la Pubblica Amministrazione, il Gip del Tribunale di Palermo ha depositato la 6^ archiviazione, che, ragionevolmente, nei fatti, smentisce le cinque precedenti emesse da Pm e Gip di Palermo negli ultimi quindici anni.

Dalla recente archiviazione emerge che, l’Hotel San Bartolomeo, giuridicamente, non è abusivo; però, sino ad oggi, i responsabili di gravi errori civili e amministrativi” che lo hanno erroneamente definito “abusivo” sono assolti dalla prescrizione del reato, se non “per morte del reo. Nel frattempo sindaci, legali e assessori del Comune di Ustica proseguono nella disinformazione mediatica “dell’hotel abusivo” su Internet e su Facebook, insistendo su un copione ormai vecchio, la cui credibilità è ormai pubblicamente smentita nelle opportune sedi giudiziarie.

La denuncia del Sig. Bonura, sebbene nell’archiviazione si insista nell’iscrizione contro “IGNOTI”, era stata sporta contro quei soggetti che, nel corso degli ultimi dieci anni (e invero sino ad oggi) hanno ricoperto ruoli apicali negli Organi amministrativi esecutivi del Comune di Ustica. Oggi, visti i fatti nuovi avvenuti, per gravità ed urgenza, potrebbe essere riproposta la richiesta di riapertura di indagini.

Nell’archiviazione il Gip, con perizia e ragionevolezza, ha evidenziato che “sarebbero potuti emergere gravi errori civili ed amministrativi”, che, oggi, però, risulterebbero prescritti. Quindi, in sede di indagini, si è preso atto della conformità delle opere dell’Hotel San Bartolomeo, come da perizia penale svolta su ordine dell’allora Giudice Dott. Paolo Borsellino (novembre 1982); del rilascio della Conformità del Genio Civile di Palermo (ottobre 1983); infine dell’abitabilità (1989);  oltre che dell’intera certificazione relativa sia al progetto che all’esecuzione delle opere, compreso il pagamento degli oneri di urbanizzazione, dell’allaccio fognario, dell’allaccio elettrico e del pagamento di utenze di acqua e di luce, tutte a carico del proprietario dell’Hotel.

Nei fatti questi “gravi errori civili e amministrativi” (comprese le sentenze civili di primo grado oggi appellate per illogicità e violazione del diritto di difesa) sono costati al Sig. Bonura la perdita dell’attività alberghiera e un fallimento non giustificato dagli atti e dai documenti presentati in denuncia. Senza dimenticare che l’inesistente “abusivismo dell’Hotel San Bartolomeo” è sfruttato, da un trentennio, da alcuni dei sindaci di Ustica come “campagna mediatica della lotta all’abusivismo”; un cavallo zoppo, però, che inciampa nell’ingiusta e persecutoria azione amministrativa sparata unicamente contro un onesto imprenditore, e nella miopia verso l’abusivismo che, oggi, sussiste ad Ustica, indisturbato e non perseguito. Come da documentazione di rilievo pubblico già depositata in altre sedi inquirenti. Continua a leggere

Pubblicato in Caso giudiziario e documenti, comunicati, Hotel San Bartolomeo, pubblicazioni, STORIE VERE, ultimissime | Lascia un commento

Castelvetrano, “verifica infiltrazioni mafiose”

1472807_699341646745132_256688988_n11

La commissione si è insediata questa mattina, al setaccio gli atti amministrativi di questi ultimi anni

Castelvetrano, il Viminale manda gli ispettori al Comune per verificare infiltrazioni mafiose

Rassegna stampa

http://palermo.repubblica.it 20 marzo 2017 di SALVO PALAZZOLO

Le ultime indagini dei carabinieri del comando provinciale di Trapani avevano svelato un sistema di controllo degli appalti comunali da parte della criminalità organizzata. Il pentito Lorenzo Cimarosa ha poi parlato di uno strano avvicinamento dell’allora candidato sindaco, Felice Errante, diventato primo cittadino: “E’ venuto a chiedermi voti, venne con Enrico Adamo, pure lui è impegnato in politica». Era la campagna elettorale per le Amministrative 2012, Adamo era in corsa per il consiglio comunale con Futuro e libertà, nelle scorse settimane lui e suo padre Giovanni sono stati raggiunti da un provvedimento di sequestro di beni, secondo la Dia di Trapani la loro fortuna imprenditoriale sarebbe avvenuta all’ombra della famiglia Messina Denaro. Questi e altri elementi raccolti dalla polizia di Stato e dalla guardia di finanza hanno convinto il prefetto di Trapani Giuseppe Priolo a proporre al ministero degli Interni un accesso ispettivo al Comune di Castelvetrano, per verificare il rischio di infiltrazioni mafiose. …Leggi tutto

FRANCESCO MESSINEO COMMISSARIO STRAORDINARIO AL COMUNE DI CASTELVETRANO

http://www.teleradiosciacca.it  di Giuseppe Recca 23 MARZO 2016

L’ex capo della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, Francesco Messineo, oggi in pensione, è stato nominato commissario straordinario a svolgere le funzioni del consiglio comunale di Castelvetrano.

Il Sindaco Felice Errante, in merito all’incarico di nuovo Commissario Straordinario del massimo consesso civico, che il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta ha firmato questa mattina, ha cosi commentato: “Apprendo con particolare piacere della nomina di Francesco Messineo, quale commissario straordinario in sostituzione del consiglio comunale di Castelvetrano. “Sono lieto che il presidente Crocetta abbia voluto scegliere una figura di così alto spessore per un incarico così delicato come quello di sostituire l’organo supremo di indirizzo e controllo- ha detto Errante- spero di incontrare al più presto il nuovo commissario che sono certo che, oltre a svolgere con perizia e dedizione il suo incarico, saprà essere un importante baluardo a tutela di questa importante istituzione e della città tutta. Come primo cittadino sarò onorato di collaborare con il dottore Messineo.” (http://www.teleradiosciacca.it)

Pubblicato in Archivi, ARTICOLI, Comuni & inchieste, Comuni & mafia, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Appalti & corruzione, Clan, politici, professionisti.

images

Rassegna stampa

Clan Zagaria, appalti e corruzione 69 arresti tra politici e imprenditori

Sotto accusa docenti universitari. In manette anche alcuni sindaci

http://www.ilmattino.it 15 marzo 2017

Ai domiciliari anche presidente della fondazione Banco di Napoli

La Regina, il facilitatore degli scambi . Le gare nel mirino  | Tutti i nomi Leggi tutto

Sotto accusa docenti universitari. ► Parla il pm Fragliasso  

Mafia e rifiuti, ordinanza per 14

Indagati imprenditori, boss e funzionari Regione Siciliana

http://www.ansa.it/sicilia  15 marzo 2017

Al centro dell’inchiesta della Dda della Procura di Catania due imprenditori, padre e figlio, indicati come appartenenti a Cosa nostra e legati direttamente e prestanome di un boss, per la gestione e il trattamento illecito di tonnellate di rifiuti provenienti da tutto il territorio nazionale, anche grazie alla connivenza di pubblici funzionari della Regione Sicilia deputati al rilascio delle autorizzazioni. Leggi tutto

Pubblicato in Boss & professionisti, RASSEGNA STAMPA | Lascia un commento