Nel codice “legge Saguto”

Fonte ANSA

Mafia: Camera, in codice ‘norma Saguto’

http://www.ansa.it 11 novembre 2015

No nomina a parenti, conviventi e commensali abituali magistrati

ROMA. Nel codice antimafia entra la ‘norma Saguto’. Un emendamento del Governo al codice all’esame dell’Aula della Camera impedisce la nomina ad amministratore giudiziario di beni confiscati alla mafia, o coadiutore o collaboratore, non solo ai parenti ma anche ai “conviventi e commensali abituali” del magistrato che conferisce l’incarico.

Il divieto varrebbe per i “parenti fino al quarto grado” e per “gli affini entro il secondo grado”.

Rassegna stampa – Beni confiscati alla Mafia -Saguto

Nel codice “legge Saguto”ultima modifica: 2015-11-11T18:51:17+00:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in "Amministrazioni allegre", "In che mani è la Giustizia?!!", Archivi, Consiglio Superiore Magistratura, GIUSTIZIA, POLITICA, RASSEGNA STAMPA, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento