Archivio Multimediale del Mediterraneo: causa civile, il giudice si riserva

libri_2.jpg
Klicca

Immagine tratta da http://www.unito.it

Il giorno 11 gennaio 2009 ha avuto luogo presso il Tribunale di Palermo –Sezione specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale- l’udienza del procedimento iscritto al n. R.G. 11877/2006,  scaturito dalla denuncia contro l’Assessorato ai Beni Culturali della Regione Siciliana in persona dell’Assessore pro tempore, il Ministero dei Beni Culturali in persona del suo legale rappresentante pro tempore e l’Archivio Storico Multimedia del Mediterraneo in persona del suo legale rappresentante pro tempore rappr. e dif. dall’Avvocatura Distrettuale dello Stato – Palermo, avente ad oggetto il progetto Italia- Archivi 2000 Regione Sicilia ideato, redatto e stampato in più copie dai signori Baldassare Bonura e Peralta Astrid.

All’udienza, in cui  era presente la sola parte attrice,  il giudice dott. De Gregorio ha assunto le memorie  sulla richiesta di un termine a difesa del (nuovo) procuratore di parte attrice, anche in considerazione della mancanza e/o manomissione di documenti dal fascicolo (delle parti in causa), avendo concesso termine fino al giorno 5.01.2010  per il deposito di memoria autorizzata, e avendo quindi rinviato all’udienza dell’11.01.2010,  in cui  infine si è riservato in merito alle richieste poste dal legale di parte attrice.

latuavocelibera.myblog.it

LEGGI TUTTO http://latuavocelibera.myblog.it/archive/2009/10/30/archivio-multimediale-del-mediterraneo-procedimento-civile-d.html#more

Archivio Multimediale del Mediterraneo: causa civile, il giudice si riservaultima modifica: 2010-01-16T11:23:00+01:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in comunicati, cultura, GIUSTIZIA, pubblicazioni, tecnologia, ultimissime e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento