”TELECOM: DEBITI E SPIE” ? In onda su Report domenica sera

milena%2520gabanelli07-05-06-09.jpeg

Riceviamo & Pubblichiamo

www.report.rai.it

Su Report andra’ in onda domenica 16 maggio alle 21.30 su RAI TRE.

la puntata che si intitola ”DI PUBBLICO DEMANIO” di Emilio Casalini.

Mare nostrum! Si dice. Ma di chi e’ veramente il mare? Di chiunque voglia raggiungerlo, dice la legge. Perche’ la spiaggia e’ proprieta’ demaniale, ovvero dello Stato, quindi di tutti. La prassi invece, in alcune regioni italiane, e’ un’altra. Sul lungomare di Ostia,  le rare spiagge libere vengono riempite all’alba di lettini per impedire ai bagnanti di stendersi dove vogliono, mentre  le spiagge autorizzate a ospitare colonie estive non vedono traccia di bambino.  Persistono da decenni chioschi abusivi che nessuno riesce a far togliere. Un lungomare chiamato anche ”lungomuro”.

A Ostia gli stabilimenti balneari occupano il demanio marittimo in cambio di un canone spesso ridicolo che nessun governo, negli ultimi 50 anni, e’ riuscito veramente ad aumentare e a portare ai reali valori di un libero mercato. Ristoranti sulla spiaggia che pagano 400 euro al mese; gestori di stabilimenti con centinaia di cabine, ristoranti, bar e negozi per un canone di 1.200 euro mensili, totalmente ripagati dal solo affitto di 6 cabine a 3.500 euro l’una a stagione.E poi c’e’ l’evasione fiscale, valutata in questo settore intorno al 50%. Tutto questo anche grazie a un sistema di concessioni demaniali rinnovate sempre agli stessi titolari per assenza di gare d’appalto, sistema che e’ costato all’Italia l’apertura di una procedura di infrazione da parte della UE.

Un gigantesco affare, che a breve la legge sul federalismo demaniale dovrebbe passare nelle mani di regioni e comuni, trasferendo la proprieta’ del demanio marittimo alle amministrazioni locali. Con tutti i rischi che ne conseguono.

Andra’ inoltre in onda per la rubrica COM’E’ ANDATA A FINIRE?

”TELECOM: DEBITI E SPIE” ? AGGIORNAMENTO DEL 25/03/2007

di Sigfrido Ranucci

Com’e’ andata a finire con l’affare Telecom?

Per la prima volta  Emanuele Cipriani, il detective privato che ha operato al servizio del Gruppo Pirelli Telecom, parla davanti a una telecamera  dei dossier illegali che sono stati secretati. Dopo quattro anni di indagini da parte dei magistrati e alla vigilia dell’udienza preliminare, Sigfrido Ranucci torna ad occuparsi del caso dello spionaggio operato dalla security Telecom che aveva a capo Giuliano Tavaroli.

Nell’inchiesta anche il racconto di un altro protagonista di quella vicenda: Fabio Ghioni, responsabile della sicurezza informatica del Gruppo Telecom, autore con la sua squadra di hacker, tra l’altro, delle intercettazioni telematiche ai danni della Kroll e del Corriere della Sera. Cosa e’ emerso nel corso delle indagini e cosa stanno facendo tutti i protagonisti della vicenda, lo vedremo domenica sera nella puntata di Report dove verra’ mostrato anche quello che secondo le testimonianze e i documenti raccolti sul posto, sarebbe un centro di ascolto clandestino situato a pochi chilometri della base militare di Aviano.

 

La Goodnews  di questa settimana s’intitola:

”TUTTI IN RETE” di Giuliano Marrucci

L’Emilia Romagna e’ terra di piccole e medie aziende ad alto contenuto tecnologico e di decine di enti, universita’, laboratori che si occupano di ricerca. Un tessuto prezioso, ma che per vincere la sfida del mercato globale ha bisogno di uscire dall’isolamento e integrarsi. E’ per questo che la Regione Emilia Romagna ha pensato ad una rete di tecnopoli dove ricerca e azienda si incontrino per raccogliere la sfida dell’innovazione.

Vi informiamo inoltre che sono previste le repliche di questa puntata su Raisat Extra nei seguenti giorni:

lunedi’ alle 10 e alle 21 e sabato alle 23.

www.report.rai.it

”TELECOM: DEBITI E SPIE” ? In onda su Report domenica seraultima modifica: 2010-05-15T19:41:02+02:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cinema e tv, riceviamo e pubblichiamo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento