Caso Claps, dopo 18 anni Restivo condannato

giustizia_martello_03.jpg

Elisa Claps, 30 anni a Danilo Restivo

La mamma della vittima: verità su chiesa

Gildo a Elisa: sorellina ce l’abbiamo fatta

http://www.ilmessaggero.it/

11.11.2011                                                    

ROMADanilo Restivo è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Salerno Elisabetta Boccassini per l’omicidio della studentessa potentina Elisa Claps. L’imputato è stato giudicato con rito abbreviato.

Elisa Claps era scomparsa a Potenza il 12 settembre 1993, poco dopo aver incontrato Restivo nella Chiesa della Santissima Trinità. Il giovane lo stesso giorno era rientrato a casa con un giubbino insanguinato e con una piccola ferita ad una mano, che si fece medicare in ospedale. Arrestato e condannato per falsa testimonianza, Restivo ha sempre negato di aver ucciso Elisa. Il 17 marzo dello scorso anno il cadavere della ragazza, parzialmente mummificato, era stato ritrovato nel sottotetto della stessa chiesa.

La mamma di Elisa: fatta giustizia. «La verità è venuta fuori, finalmente è stata fatta giustizia». Queste le prime parole di Filomena, la mamma di Elisa Claps, al termine della sentenza di condanna di Danilo Restivo.

«La Chiesa non doveva fare quello che ha fatto, nè a me nè ad Elisa, ed è la verità sulla Chiesa quella che voglio». Così la mamma di Elisa Claps dopo la sentenza di condanna a 30 anni di Danilo Restivo.

Poi la signora Claps chiama in causa anche il magistrato che ha condotto le indagini: «Si deve fare un esame di coscienza: a causa sua non ho potuto abbracciare Elisa».

Pm: fatta giustizia nei limiti che può una sentenza. «E’ stata fatta giustizia nei limiti che una sentenza può fare per un fatto così grave».

LEGGI TUTTO http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=169616&sez=HOME_INITALIA

Caso Claps, dopo 18 anni Restivo condannatoultima modifica: 2011-11-11T19:40:59+01:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in GIUSTIZIA, ultimissime e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento