“In che mani è la Giustizia?!” In manette Pm di Roma, scambio sesso-favori

giustizia-mani.jpg

Klicca Diffamò Parmaliana: pg di Messina Cassata condannato a multa e risarcimento ai familiari

Klicca Esercizio abusivo della professione, legale indagato a Palermo

Incontri a luci rosse nel suo ufficio in Procura. Al pubblico ministero Roberto Staffa contestati concussione, corruzione, rivelazione di segreti d’ufficio

ANSA

23 gennaio, 2012

ROMA – Il pubblico ministero di Roma Roberto Staffa è stato arrestato dai carabinieri con le accuse di concussione, corruzione e rivelazione di segreto d’ufficio. I reati contestati sarebbero legati a favori fatti dal magistrato in cambio di sesso. L’ordinanza è stata emessa dal gip di Perugia su richiesta della procura. Staffa avrebbe anche consumato alcuni dei rapporti sessuali, oggetto di scambi di favori, nel suo ufficio di piazzale Clodio. Questa una delle accuse che sono rivolte al pm stamani arrestato dai carabinieri. Secondo quanto si è appreso alcuni incontri a luci rosse sarebbero avvenuti proprio nella stanza di Staffa al quarto piano della palazzina B della Procura di Roma.

Gli accertamenti della magistratura umbra sono partiti proprio da una segnalazione della procura di Roma circa comportamenti anomali di Staffa. Il pm, recentemente, non era stato riconfermato nel pool della Direzione distrettuale antimafia. Sconcerto a piazzale Clodio alla notizia dell’esecuzione della misura cautelare.

Rassegna stampa

CONDANNO’ MANIERO, A P.CLODIO DA 15 ANNI FACEVA PARTE DELLA DDA

Malagiustizia: “In che mani siamo” su Libero l’elenco dei giudici “spudorati”

“Rete corruttiva” in Tribunale. Coinvolti avvocati, cancellieri e un poliziotto

Talpe & Tribunali. Indagati cancelliere e direttrice cancelleria Gip

“In che mani è la Giustizia?!” In manette Pm di Roma, scambio sesso-favoriultima modifica: 2013-01-23T16:46:00+01:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, GIUSTIZIA, ultimissime e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento