“Sicilia e-Servizi”, inchiesta sugli assunti dal commissario liquidatore Ingroia

ebook-editoria-digitale-120126130734_medium

KLICCA Sicilia e-Servizi, indagine sui 76 dipendenti appena assunti 23 gennaio 2014

IL CASO Le assunzioni a Sicilia e-Servizi. Indaga la Corte dei Conti

Tra loro ci sarebbero persone indagate, parenti di politici e burocrati, e anche di mafiosi, come il genero di Stefano Bontade, ucciso nella guerra di mafia a Palermo nel 1981.

http://livesicilia.it

31 Gennaio 2014

di Accursio Sabella

I pm contabili vogliono fare luce sui contratti agli ex lavoratori Sisev, assorbiti nella società partecipata in liquidazione e completamente pubblica. L’ex pm: “Sono sereno. Abbiamo rispettato la legge e rispettato un parere dell’Avvocatura dello Stato. Un paradosso che uno come me sia sottoposto a verifica? Era successo già in passato…”.

Così, la Procura della Corte dei Conti ha richiesto la documentazione riguardante i contratti a tempo determinato con i quali la società Sicilia e-Servizi ha “assorbito” i 76 lavoratori provenienti dalla Sisev. Dipendenti finiti nuovamente, e di recente, nell’occhio del ciclone per le presunte amicizie e parentelediscutibili”. Tra loro ci sarebbero persone indagate, parenti di politici e burocrati, e anche di mafiosi, come il genero di Stefano Bontade, ucciso nella guerra di mafia a Palermo nel 1981.

Ma la Procura contabile sembra interessata ad altro. In particolare ha richiesto anche la delibera di giunta con la quale si è dato mandato al commissario liquidatore (di una società che non verrà più liquidata) di operare quelle assunzioni. Effettuate, appunto, da una società ancora formalmente “in scioglimento“.

Ma i pm contabili sembra vogliano verificare, stando alle prime indiscrezioni, se quei contratti abbiano violato le norme vigenti in Sicilia. In effetti, il governo, socio unico della Partecipata, ha deciso di assumere i 76 lavoratori nonostante nell’Isola sia ancora vigente il blocco delle assunzioni, voluto dall’ex governatore Raffaele Lombardo. Leggi tutto

“Sicilia e-Servizi”, inchiesta sugli assunti dal commissario liquidatore Ingroiaultima modifica: 2014-02-01T01:12:54+01:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Archivi, ARTICOLI, articoli,giustizia, Corte dei Conti, cultura, GIUSTIZIA, POLITICA, ultimissime e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Sicilia e-Servizi”, inchiesta sugli assunti dal commissario liquidatore Ingroia

  1. Sicilianews scrive:

    Palermo Repubblica
    24 marzo 2014

    Scatta il licenziamento per 16 dei 76 lavoratori transitati dall’ex socio privato Sisev alla società regionale di informatizzazione Sicilia e-servizi. Non avrebbero superato il periodo di prova di quattro mesi, finalizzato a valutarne curricula, professionalità e affidabilità. Gli altri potranno accedere ai contratti a tempo determinato per un periodo complessivi di diciotto mesi in attesa della definizione del futuro di Sicilia e-servizi.

    L’attività di selezione, iniziata il 5 febbraio, è stata affidata a una commissione di ‘super-esperti’ nominata dal commissario di Sicilia e-servizi Antonio Ingroia. Della commissione fanno parte due generali in congedo – un investigatore della Dia e un generale in pensione della Guardia di finanza – nonchè un professore della facoltà di Ingegneria di Palermo. Fonte

Lascia un commento