“Cari anziani”, soldi e manette per massoni e i(m)prenditori

download

 

 

 

 

Arrestato il Gran maestro Labisi il capo di una potente loggia e alcuni fedelissimi.
Ancora una volta gli anelli deboli della Comunità, anziani, disabili e immigrati, sono al centro delle attenzioni di “lobby e stemmi dal gusto araldico” tutt’altro che disinteressati: stando all’inchiesta della Procura di Catania, più che la salute dei “cari nonni” sono in ballo decine di milioni di euro. Se ciò non bastasse già a disegnare un quadro sociale e imprenditoriale desolante, c’entra pure l’antimafia, quella di facciata, sgretolata da indagini e arresti. Con tutto il doveroso rispetto per le “Novelle” pirandelliane, la realtà rischia di superare il Genio.

To be continued ma non e’ un film…. https://latuavocelibera.myblog.it

Rassegna stampa

Catania. Massoneria, operazione della Dia. ULTIMA ORA http://catania.livesicilia.it/2018/07/10/ di Antonio Condorelli

CATANIA – Terremoto alle falde dell’Etna, il potente massone Corrado Labisi è stato arrestato dalla Procura di Catania guidata da Carmelo Zuccaro

Secondo l’accusa, Labisi avrebbe “gestito i fondi erogati dalla Regione Siciliana e da altri Enti per fini diversi dalle cure ai malati ospiti della struttura Lucia Mangano, distraendo somme in cassa e facendo lievitare le cifre riportate sugli estratti conti accesi per la gestione della clinica, tanto da raggiungere un debito di oltre 10 milioni di euro. Ma non finisce qui. Un’istanza di fallimento è stata chiesta dalla magistratura catanese nei confronti dell’istituto medico psicopedagogico Lucia Mangano, di Sant’Agata li Battiati, che, secondo la Procura distrettuale etnea, ha un ‘buco’ di 10 milioni di euro. L’iniziativa fa seguito a indagini della Dia. L’udienza è prevista per stamattina. Se la richiesta dovesse essere accolta agli indagati potrebbero essere contestati anche altri reati finanziari.

ANTIMAFIA – Corrado Labisi è stato tra i promotori del premio “Livatino, Saetta, Costa”, intitolato ai nostri magistrati uccisi da Cosa nostra. Ogni anno, tra i premiati ci sono stati giudici, esponenti delle forze dell’ordine e delle istituzioni. ULTIMA ORA http://catania.livesicilia.it/2018/07/10/ di Antonio Condorelli

“GIANO BIFRONTE”

Buco milionario nella casa di riposo, i soldi della Regione usati per il premio Antimafia. di Silvia Iacona http://catania.gds.it/2018/07/10/

I costi dell’organizzazione del premio Livatino, considerato un riconoscimento della lotta contro le mafie, sarebbero stati coperti con fondi erogati dalla Regione Siciliana per l’istituto per curare i malati.
Le somme erogate dalla regione, invece, dovevano essere usate per assistere i poveri della città e della provincia di Catania, creando centri di mutuo soccorso, elargendo sussidi a favore degli stessi, creando laboratori, offrendo assistenza medica, alleviare lo stato di eventuale disagio in cui gli assistiti potessero trovarsi, per disoccupazione, malattia o altro. http://catania.gds.it/2018/07/10/

“Cari anziani”, soldi e manette per massoni e i(m)prenditoriultima modifica: 2018-07-10T13:19:51+02:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in "Carità commerciale", "I(m)prenditori & manette...", Antiracket "double face", ARTICOLI, inchieste, Leggiamo & pubblichiamo, RASSEGNA STAMPA, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Cari anziani”, soldi e manette per massoni e i(m)prenditori

  1. DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA
    Massoneria, parlano i fedelissimi “Labisi, ecco tutta la verità”

    di Antonio Condorelli http://catania.livesicilia.it
    Nel passato avrebbero aderito alla loggia persone di tutti i tipi, onesti e disonesti. Ma, da sempre, la massoneria ha cercato di arruolare persone importanti. “Persone della legge”, che intervenivano come fratelli delle logge.
    La loggia di Labisi non si riuniva solo nel palazzo nobiliare di via Etnea, in alcuni casi anche all’Hotel Nettuno, che avrebbe spiccato fatture pagate, in alcuni casi, con i fondi destinati ai più bisognosi. http://catania.livesicilia.it/2018/07/20/

Lascia un commento