Imprenditori & manette. Arrestato Helg

RASSEGNA STAMPA

Arrestato mentre intasca una tangente: nei guai Roberto Helg

03 Marzo 2015 http://www.siciliainformazioni.com

Arrestato il presidente della Camera di Commercio di Palermo, Roberto Helg. In qualita’ di vicepresidente della Gesap, la societa’ che gestisce l’aeroporto di Palermo

Helg sottolineano dalla procura avrebbe preteso “oltre alla consegna di una somma in contanti di 50 mila euro, l’impegno da parte del commerciante alla corresponsione rateale di 10 mila euro al mese con il contestuale rilascio, in funzione di garanzia dell’impegno, di un assegno in bianco del residuo importo di 50 mila euro”. La richiesta e la consegna del denaro sono state “integralmente monitorate dalla polizia giudiziaria”, e hanno fatto registrare “la classica sequenza estorsiva consistente nella prospettazione, da parte di Helg, della difficoltà dell’operazione di rinnovo se non supportata dal suo prezioso intervento e, da parte del commerciante, nell’adesione all’illecito pagamento, in ordine al quale l’uomo pubblico ha preteso”. LEGGI TUTTO

Camera di commercio: “patto di legalità” a Palermo. Il procuratore Messineo: “Un passo contro la mafia”

KLICCA il video http://palermo.blogsicilia.it 04 luglio 2013

Helg, l’uomo per tutte le stagioni che disse: “Qui non si paga il pizzo

03 Marzo 2015 http://palermo.repubblica.it/

Il presidente della Camera di commercio arrestato ieri è’ un esponente di spicco, assieme a Montante, di Unioncamere Sicilia cui Crocetta ha affidato un appalto da due milioni per l’Expo di EMANUELE LAURIA   LEGGI TUTTO

OPERAZIONE DESTINO

26 09 2014 http://gds.it/

Mafia a Carini, decapitato il clan dei Pipitone. Tra gli immobili nella loro disponibilità anche il capannone che si trova nella statale 113 che dai primi anni del 2000 e fino al novembre del 2012 ha ospitato gli uffici e lo spazio espositivo della Helg srl. Per la struttura di circa 2.600 metri quadri si trova in un lotto di terreno di 6.800 metri quadri il 18 aprile del 2003 è stato sottoscritto un regolare contratto tra Roberto Helg, già presidente della camera di Commercio di Palermo, ed Epifania Pipitone. LEGGI TUTTO

Imprenditori & manette. Arrestato Helgultima modifica: 2015-03-03T12:13:09+00:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in "I(m)prenditori & manette...", Antiracket "double face", Boss & professionisti, ultimissime. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Imprenditori & manette. Arrestato Helg

  1. http://www.sicilia24h.it/ 29 maggio 2015
    La Procura di Palermo ha chiesto il giudizio immediato per Roberto Helg, ex presidente della Camera di Commercio di Palermo arrestato in flagranza mentre intascava una mazzetta di 100mila euro, 30 in contanti e 70 con assegno, dall’imprenditore Santi Palazzolo, titolare di una pasticceria all’aeroporto palermitano Falcone-Borsellino. La richiesta di giudizio immediato è stata depositata al Gup che dovrà decidere se ne ricorrono i presupposti previsti dal codice: l’evidenza della prova e che siano trascorsi 90 giorni dall’iscrizione nel registro degli indagati. L’immediato consente di passare alla fase del giudizio saltando così l’udienza preliminare. Helg, però, qualora l’istanza della Procura fosse accolta, potrebbe chiedere il giudizio abbreviato o il patteggiamento. La richiesta di immediato è stata firmata dal procuratore di Palermo. Fonte

  2. Nocera: “Denunciai il sistema Helg nel 2009 ma nessuno mi ascoltò”
    http://palermo.blogsicilia.it/
    Alfredo Nocera aveva nel 2008 un esercizio commerciale nello scalo Falcone Borsellino di Palermo. Si chiamava “Buona Sicilia”. Aveva avuto personalmente le rassicurazioni dal direttore generale Carmelo Scelta e dal presidente Roberto Helg che il suo locale sarebbe stato “riprotetto”. Lo scrive nella denuncia presentata ai poliziotti dello scalo aereo di Punta Raisi il primo di aprile del 2009, quando un geometra della Gesap, un certo Neri, gli chiese le chiavi del locale.

    “Da quella denuncia presentata nel 2009 non è successo nulla – dice Alfredo Nocera – Io sono rimasto fuori e la mia attività di prodotti tipici è stata data in gestione alla stessa società di Sicilia Arte, società di David e Giovanni Tuttobene”.

    Nella denuncia del 2009 il commerciante aveva mostrato più di una perplessità sulla gestione dell’affidamento dei negozi. “L’amministratore delegato Giacomo Terranova aveva affermato che gli esercizi a caratterizzazione regionale sarebbero stati mantenuti – si legge nella denuncia presentata da Nocera nel 2009 – Mi è oscura la ragione per cui tra esse non si trova la mia attività. Confermo quanto dichiarato sui siti di mia pertinenza riguardo ai miei sospetti sulla gestione e l’affidamento delle aree commerciali nel nuovo assetto garantisca solo gli “amici” degli amministratori o compagini politiche”. LEGGI TUTTO

  3. Caso Helg, l’inchiesta si allarga: caso isolato o sistema illegale?

    4 marzo 2015 http://www.palermotoday.it/

    Dopo l’arresto del vice presidente della Gesap gli investigatori danno la caccia a possibili complici. Crocetta: “Verificare la legalità degli appalti all’aeroporto in questi anni”. Cusumano: “Che crediti millantava Helg? Visto che non aveva potere di firma”.
    Caso Helg, l’inchiesta si allarga
    Appena un anno fa la Procura di Palermo aveva aperto un’inchiesta sull’assegnazione e la gestione degli appalti per lo scalo di Punta Raisi, dove gli agenti della Dia andarono a controllare i cantieri di alcuni lavori appaltati per 15 milioni di euro.“
    Allora i magistrati inviarono anche la Squadra mobile per acquisire una serie di atti. Poi arrivarono a sorpresa delle notifiche dei provvedimenti di proroga dell’inchiesta, dove le ipotesi di reato erano (e sono) quelli di associazione a delinquere e abuso d’ufficio. Nel registro degli indagati c’è il nome di Carmelo Scelta, il direttore generale che nei giorni scorsi veniva citato da Helg. Con Scelta sono indagati anche Giacomo Terranova, l’ex amministratore delegato della società di gestione aeroportuale, Vincenzo Petrigni, ex responsabile degli Affari generali e legali, e l’ingegnere Giuseppe Liistro, responsabile unico del procedimento per molti appalti dell’aeroporto.“
    LEGGI TUTTO

    • Dopo l’arresto di Helg per l’estorsione a Palazzolo
      Tangenti all’aeroporto di Palermo, indagato anche l’ex direttore Gesap Carmelo Scelta
      http://palermo.blogsicilia.it 07 luglio 2015
      Avrebbe avuto un ruolo nella richiesta di una tangente al pasticciere Santi Palazzolo per ottenere la proroga della concessione locale all’aeroporto di Palermo. L’ex direttore generale della Gesap, Carmelo Scelta, è indagato dalla Procura di Palermo per concorso in estorsione.
      Si tratta della stessa inchiesta che il 2 marzo scorso ha portato all’arresto Roberto Helg, vicepresidente della Gesap, la società che gestisce i servizi aeroportuali allo scalo Falcone-Borsellino di Palermo. Helg è stato colto in flagranza di reato, dopo che Palazzolo gli aveva consegnato la prima tranche di una tangente da centomila euro. FONTE

  4. Expo, troppe ombre e fondi Ue a rischio: interrogazione a Bruxelles
    A presentarla l’europarlamentare Ignazio Corrao

    02 marzo 2015 http://palermo.blogsicilia.it/

    “La selezione delle aziende siciliane ad Expo 2015 è andata deserta, ma che fine fanno i quasi due milioni di euro per la gestione dell’incarico di Unioncamere? L’Expo per la Sicilia parte con troppe ombre ed i fondi europei sarebbero a rischio. La commissione scongiuri il disimpegno delle somme”.

    La bufera Expo 2015 sul caso Sicilia approda in parlamento europeo con una interrogazione rivolta alla Commissione da parte dell’eurodeputato M5S Ignazio Corrao. “Le troppe ombre sull’Expo in Sicilia – sottolinea Corrao – rischiano di far disimpegnare i fondi che l’Europa ha previsto di stanziare. Precisamente è emerso che la Regione siciliana ha impegnato circa € 11.000.000 di cui € 8.000.000 sarebbero stati individuati dalla riprogrammazione del P.O. FESR 2007/2013.

    In sostanza i fondi prima destinati alle imprese che la Sicilia non è stata capace di programmare, andranno quindi dirottati all’élite industriale per Expo 2015. Grazie a un protocollo firmato nel luglio 2014 ed alle dichiarazioni degli esponenti del governo regionale si è appreso che € 1.810.000 sono serviti per la selezione di prodotti e produttori che saranno presenti all’Expo Milano 2015, selezione gestita da Unioncamere Sicilia, costituito da 9 camere di commercio e presieduto dal presidente di Confindustria Sicilia, attualmente coinvolto in un’inchiesta sui reati di mafia condotta dalla Procura di Caltanissetta. LEGGI TUTTO

Lascia un commento