Stragi ’92. “Mafia, simbiosi di complici e cantori”, Giovanni Falcone

falcone-e-borsellino

“Avete chiuso cinque bocche, ne avete aperte 50 milioni.” Giovanni Falcone

“La mafia, lo ripeto ancora una volta, non è un cancro proliferato per caso su un tessuto sano. Vive in perfetta simbiosi con la miriade di protettori, complici, informatori, debitori di ogni tipo, grandi e piccoli maestri cantori, gente intimidita o ricattata che appartiene a tutti gli strati della società.

Questo è il terreno di coltura di Cosa Nostra con tutto quello che comporta di implicazioni dirette o indirette, consapevoli o no, volontarie o obbligate, che spesso godono del consenso della popolazione.”
Giovanni Falcone, Cose di cosa nostra

Stragi ’92. “Mafia, simbiosi di complici e cantori”, Giovanni Falconeultima modifica: 2017-05-22T11:55:33+00:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Giudici integerrimi, STORIE VERE, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento