19 luglio 1992. I Giudici Falcone e Borsellino vivi nella memoria del lavoro svolto

575914_606335016045796_547148260_n

Gli uomini vivono nel ricordo delle azioni compiute nel passato,

lasciando un esempio da seguire e condividere

nello scorrere del tempo futuro…

 

Fiammetta Borsellino. Lo sfogo della figlia di Paolo Borsellino, “i suoi colleghi non ci frequentano”. Corriere della Sera, 17 luglio 2018, di Felice Cavallaro http://www.corriere.it/

L’AUDIZIONE. Via D’Amelio, Fiammetta Borsellino: serviva più vigilanza sui processi, buttati via 25 anni http://palermo.gds.it/ 19 Luglio 2017

19 luglio 1992. I Giudici Falcone e Borsellino vivi nella memoria del lavoro svoltoultima modifica: 2017-07-19T10:58:38+00:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Giudici integerrimi, RASSEGNA STAMPA, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Una risposta a 19 luglio 1992. I Giudici Falcone e Borsellino vivi nella memoria del lavoro svolto

  1. Le accuse della figlia di Borsellino. Rita: ‘Sue parole Vangelo’
    Dopo intervista in cui parla di’ 25 anni di schifezze e menzogne’

    http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2017/07/19/

    “Fiammetta ha l’autorevolezza per dire queste cose, anche perché fino adesso non ha mai detto niente, per cui quello che dice è Vangelo. La ricerca della verità si fa sempre”. Lo ha detto Rita Borsellino, commentando l’intervista rilasciata al Corriere della Sera da Fiammetta Borsellino che ha parlato di “25 anni di schifezze e menzogne” e che oggi sarà ascoltata dalla commissione Antimafia. Rita Borsellino è in via D’Amelio dove il fratello magistrato è stato ucciso il 19 luglio di 25 anni con cinque agenti della polizia di Stato che lo scortavano Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter, Cosina e Claudio Traina.
    Leggi tutto

Lascia un commento