La politica tra selfie e galleggianti

Fonte http://livesicilia.it/

Il partito dei ‘chissenefrega’ E la foto della catastrofe

La polemica

http://livesicilia.it Agosto 2015 – di Roberto Puglisi

Intanto, la foto che è già un capolavoro di autolesionismo politico. Contro l’istantanea che ritrae gli scudieri del Crocettismo avanzato, vincerebbe qualsiasi trazzera a piacere. Ecco – sembrano dire con aria orgogliosa i personaggi coinvolti: Fausto Raciti, Gianpiero D’Alia,  Gianluca  Miccichè, Antonello Cracolici, Mimmo Turano – non solo sosteniamo il governo di un presidente politicamente impresentabile. Non solo ci siamo sdraiati sul verbo di Saro, pur di evitare una sicura sconfitta elettorale (la trazzera, la trazzera).  Non solo ce ne freghiamo del clamore di un popolo che non ci vuole. Non solo. Ma c’è di più: scattiamo una bella foto di gruppo, un selfie della catastrofe diffuso sui social, e ve la mostriamo. Come faranno i siciliani a non fidarsi di noi?

E poi le parole, la morale che viene a galla. Dice Gianpiero D’Alia a un certo punto: “Il passato è passato”. Una frase che svela un mondo. Il passato è passato significa, nell’interpretazione automatica di chi legge: chissenefrega del Crocettismo avanzato e delle sue miserie politicamente innominabili?

Chissenefrega del pozzo nero della Sanità, dei cerchi magici, della dignitosa uscita di scena di Lucia Borsellino, della sua denuncia e dell’orazione civile di Manfredi, suo fratello, pronunciata davanti al presidente della Repubblica?

LEGGI TUTTO

La politica tra selfie e galleggiantiultima modifica: 2015-08-06T11:40:10+02:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in "Amministrazioni allegre", Archivi, ARTICOLI, I Nostri Politici, opinioni, POLITICA, RASSEGNA STAMPA, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento