Tutino, spunta “carpetta investigativa”

20268717

 

 

 

 

Caso Tutino, spy story a Villa Sofia Sequestrati dossier nella stanza del medico

http://livesicilia.it  02 Settembre 2015 di Riccardo Lo Verso

Due medici hanno trovato atti giudiziari, verbali di identificazione e il contenuto di diverse e mail nella stanza occupata, fino al suo arresto, dall’ex primario di Villa Sofia di Palermo e medico personale di Rosario Crocetta. I carabinieri tornano in ospedale.

La stanza di Tutino è tornata nella disponibilità di Sajeva dal primo agosto scorso. Pochi giorni fa, al rientro dalle ferie, il chirurgo, assieme a Mazzola, ha trovato il dossier che conterebbe non solo atti giudiziari. Dentro vi sarebbero, infatti, anche le relazioni che Anna Maria Martorana, ex direttore sanitario dell’ospedale palermitano e pure lei sotto inchiesta con Tutino, aveva chiesto ad alcuni colleghi sul caso Mesi e le richieste di Tutino affinché nei confronti di Mazzola venissero avviati dei provvedimenti disciplinari e delle indagini penali, ancora prima del decesso della paziente.

Dalle e mail emergerebbero i rapporti tra il chirurgo e medico personale di Rosario Crocetta e l’ispettore della Digos Giuseppe Scaletta, indagato assieme alla moglie, la biologa Mirta Bajamonte, per abuso d’ufficio nella stessa inchiesta che ha portato all’arresto di Tutino.

Il materiale cartaceo era sfuggito ai precedenti sequestri. In ospedale sono intervenuti i carabinieri dopo che il primario facente funzioni è stato avvertito dai due medici, i quali si chiedono a che titolo Tutino avesse a disposizione gli atti investigativi e se gli stessi fossero o meno riservati. Due giorni fa l’ex primario ha chiesto tramite il suo legale, l’avvocato Daniele Livreri, di potere ritirare gli effetti personali e alcuni documenti nella sua vecchia stanza. All’appello mancheranno, però, le carte finite sotto sequestro e andate ad ingrossare il fascicolo su Tutino e la gestione dell’ospedale palermitano sul tavolo del procuratore aggiunto Leonardo Agueci. LEGGI TUTTO

Archivi – Caso Tutino, ostacolava i colleghi

Tutino, spunta “carpetta investigativa”ultima modifica: 2015-09-02T12:48:26+02:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Archivi, ARTICOLI, Corte dei Conti, RASSEGNA STAMPA, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Tutino, spunta “carpetta investigativa”

  1. Truffa a Ssn, Tutino l’1 giugno dal Gup
    Medico Crocetta accusato di interventi estetici in ospedale

    (ANSA) – PALERMO, 11 APR – Comincerà l’1 giugno l’udienza preliminare per per l’ex primario della Chirurgia plastica Matteo Tutino, medico del governatore Crocetta, e altre sei persone. Il gip Nicola Aiello ha fissato l’udienza dopo la richiesta di rinvio a giudizio da parte del procuratore aggiunto Leonardo Agueci e Luca Battinieri. Rischiano di finire a processo anche’ex manager di Villa Sofia, Giacomo Sampieri, il dirigente del dipartimento di Anestesia e rianimazione dell’azienda ospedaliera Damiano Mazzarese, l’ex direttore sanitario Maria Concetta Martorana, l’ispettore della Digos, Giuseppe Scaletta, e la moglie genetista, Mirta Baiamonte, la paziente Alessia Di Blasi, che con le sue dichiarazioni avrebbe favorito il chirurgo.
    Secondo l’accusa l’ex primario di Chirurgia plastica, che deve rispondere di truffa, peculato e falso, avrebbe eseguito interventi di chirurgia estetica – prestazione esclusa dal Ssn – sui suoi pazienti addossando i costi al Servizio sanitario nazionale. Fonte ANSA

Lascia un commento