Baldassare Bonura. Direzione Generale del Comune di Palermo Sezione II

img008.jpg?gl=IT

 RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

“Recupero degli edifici ex hotel San Bartolomeo” Pist-Territorio

Pubblichiamo la comunicazione del 15.11.11 prot. 798436 della Direzione Generale del Comune di Palermo Sezione II – Oggetto : Intervento n. 40 “Recupero degli edifici ex hotel San Bartolomeo” Pist-Territorio Snodo Palermo-Ustica-Villabate. Trasmissione nota n. 768354 del 03/11/2011 avente per oggetto.

La suddetta comunicazione è stata inviata: alla Regione Siciliana Dipartimento Programmazione Arch. Felice Bonanno; E.p.c. al: Sindaco del Comune di Palermo, al Sindaco del Comune di Ustica, al Sindaco del Comune di Villabate; al Presidente della Provincia Regionale di Palermo; e al sig. Baldassare Bonura.

Il contenuto della comunicazione, che di seguito rendiamo noto a chi legge, fa riferimento alla diffida contro l’assegnazione di fondi europei su base locale, in quanto è pendente istanza in via d’urgenza della misura cautelare di sequestro giudiziario ex art. 669 quater, 670 n.1 c.p.c., 669 sexies c.p.c., ossia richiesta di sequestro dell’immobile in oggetto destinatario di 3 milioni di euro PIST. La richiesta di sequestro è altresì un sub-procedimento nell’ambito del procedimento civile per querela di falso in via principale pendente contro il Comune di Ustica +2, parte attrice il sig. Bonura, prossima udienza giugno 2012.

KLICCA QUI la comunicazione

Diffida

L’istanza di sequestro, oggi, dopo ben 4 mesi nonostante la via d’urgenza di richiesta di misura cautelare, è in attesa di scioglimento di riserva del Giudice Istruttore dott.ssa Giulia Maisano dopo l’ultima udienza, che ha avuto luogo a seguito del provvedimento del Presidente del Tribunale di Palermo che ha annullato l’udienza precedente ed autorizzato all’astensione per gravi motivi il precedente G.I. dott.ssa Daniela Galazzi

L’istanza di sequestro è stata inoltrata dal sig. Bonura rispetto al rischio concreto e documentato che il Comune di Ustica eserciti l’atto di alienazione del bene immobiliare de quo, o che l’immobile venga gravato da eventuali esposizioni bancarie, con ciò ledendo i diritti della parte ricorrente, nell’attesa della definizione del procedimento civile pendente.

img009.jpg?gl=IT

KLICCA QUI per leggere l’intero documento

Il sig, Bonura sta agendo nel rispetto di quanto previsto dal codice civile lì dove recita “ Fuori dei casi regolati nelle precedenti Sezioni di questo Capo, SEZIONE V – Dei provvedimenti d’urgenza, chi ha fondato motivo di temere che durante il tempo occorrente per far valere il suo diritto in via ordinaria, questo sia minacciato da un pregiudizio imminente e irreparabile, può chiedere con ricorso al giudice i provvedimenti d’urgenza, che appaiono, secondo le circostanze, più idonei ad assicurare provvisoriamente gli eletti della decisione sul merito”. Lo stesso G.I. dott.ssa Maisano, il giorno 9.8.2011 scriveva, in calce alla richiesta del ricorso di sequestro in via d’urgenza, depositato da parte attrice il giorno 16 luglio 2011, che “letto il ricorso ne ricorrono i presupposti” deliberando quindi il giorno per la sua trattazione; asserzione che conferma i timori della parte attrice in relazione alla gravità della situazione. Purtroppo, gravi atteggiamenti tenuti dal precedente G.I., hanno ritardato sino ad oggi, dalla scorsa sezione feriale, la trattazione e la decisione, per la quale si attende un provvedimento dovuto, trasparente e coerente. 

Nell’attesa, si rende pubblico anche il contenuto dell’istanza di sequestro, affinchè sia reso edotto chi legge sulla correlazione di soggetti associati ad un’azione finalizzata al furto, al depauperamento ed infine all’ESTROMISSIONE dal circuito alberghiero dell’Isola di Ustica di un albergo 4 stelle sul quale non ha mai avuto luogo né una denuncia per abusivismo, né, dunque, nessuna condanna in capo ai suoi proprietari, e che ciononostante è stato acquisito “perchè abusivo” al patrimonio immobiliare del Comune dell’Isola CON FALSI DOCUMENTIpresentati nel 2009 dai legali rappresentanti del Sindaco in sede di giudizio presso la Suprema Corte di Cassazione.

 Un crimine giudiziario ed un’INGIUSTIZIA di cui sono stati già informati gli organi inquirenti.

 Buona lettura

Baldassare Bonura. Direzione Generale del Comune di Palermo Sezione IIultima modifica: 2011-11-20T23:23:00+01:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, articoli,giustizia, comunicati, GIUSTIZIA, riceviamo e pubblichiamo, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento