Hotel San Bartolomeo. Gip Morosini ricusato, ragioni di “terzietà” e “imparzialità”

images.jpg

Riceviamo & Pubblichiamo

Baldassare Bonura ha presentato istanza di ricusazione contro il Giudice per le indagini Preliminari dott. Pier Giorgio Morosini, nell’ambito del procedimento penale …omissis… pendente – parte offesa: Bonura – presso il Tribunale di Palermo contro la curatela fallimentare nella persona dell’avvocato Vincenzo Barbiera e contro i terzi, che, in concorso, ivi compreso il Comune di Ustica nella persona di Sindaci ed ex Sindaci e dell’UTC,  hanno determinato il fallimento della “Bonura G. & Figli” sas, con l’inerzia della curatela, sul cui comportamento, però, non sono state svolte indagini.

In particolare sottendono alla ricusazione del GIP “gravi ragioni di convenienza” per le quali “il magistrato ha il dovere di astenersi qualora abbia già trattato in altra sede la stessa materia”; e in questo caso, dagli atti risulta, altresì, che il dott. Morosini si sia già occupato di indagini penali sugli stessi soggetti che ora sono oggetto d’indagine di un altro procedimento. Ulteriore grave motivo questo perché inficia i principi di “terzietà” e di “imparzialità” necessari alla equa definizione del giudizio.

Sul fallimento, che ha gravato per 27 anni sulle spalle dei tre fratelli Bonura, sono state emesse tra il 2009 e il 2011, presso la Corte D’Appello di Caltanissetta per la legge Pinto, ben tre sentenze di condanna contro lo Stato italiano, sulla quale sarebbe opportuna un’indagine della della Corte dei Conti per l’ingente danno erariale cui è stato esposto il Ministero di Grazie e Giustizia.

Baldassare Bonura

http://arig.myblog.it/

Hotel San Bartolomeo. Gip Morosini ricusato, ragioni di “terzietà” e “imparzialità”ultima modifica: 2013-06-06T10:52:00+02:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in comunicati, GIUSTIZIA, POLITICA, STORIE VERE, ultimissime e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento