“Verità, tutta la verità su Ustica”

MUSEO DELLA MEMORIA
http://www.bolognatoday.it
Strage di Ustica. Dopo 35 anni di depistaggi i parenti delle vittime: “Manca ancora la verità”

27 giugno 1980. Facciamo un salto all’indietro di 35 anni. Un aereo di linea Douglas DC-9 della compagnia aerea italiana Itavia, decollato dall’Aeroporto di Bologna e diretto all’Aeroporto di Palermo, si squarcia in volo all’improvviso e si inabissa nel tratto di mare compreso tra le isole tirreniche di Ustica e Ponza. 81 persone perdono così la vita. Cosa è successo? Mancano ancora delle risposte. Così sostengono i parenti delle vittime, che 35 anni dopo la strage tornano ad incalzare le istituzioni.“

Dopo 35 anni di depistaggi, siamo arrivati alla verità parziale su Ustica”, dice la presidente dell’associazione famigliari, Daria Bonfietti. “Parziale- sottolinea- perchè sappiamo le cause, quello che è successo, ma non conosciamo i responsabili, i colpevoli dell’abbattimento di un aereo civile in tempo di pace”. Francia, Usa e Libia, afferma ancora Bonfietti, “devono dare delle risposte, sono troppi anni che i magistrati romani le stanno inutilmente cercando, dopo le dichiarazioni di Cossiga del 2007 che coinvolsero la Francia nell”abbattimento del Dc9 dell’Itavia.

 Ma quest’ultimo, fondamentale pezzo di verità lo possiamo conquistare solo se il nostro paese si muove sull’onda di una grande indignazione“. Insomma, “hanno abbattuto un aereo civile in tempo di pace, lo hanno abbattuto, come ha detto il giudice Priore, al termine di una guerra aerea di fatto e mai dichiarata, senza che nessuno ne abbia fornito spiegazioni.

La verità, tutta la verità su Ustica

La invoca anche la presidente dell’Assemblea legislativa, Simonetta Saliera, oggi presente a Palazzo D’Accursio per la cerimonia di commemorazione in occasione dell’anniversario.

LEGGI TUTTO

“Verità, tutta la verità su Ustica”ultima modifica: 2015-06-27T19:55:44+02:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in DC9 ITAVIA. Strage di Civili, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento