Sicilia. Depuratori: sanzione milionaria della UE

images

http://www.eunews

 

 

 

 

 

 

L’Italia rischia 62 milioni di multa per i depuratori che non funzionano

La regione con la situazione peggiore è la Sicilia.

http://www.eunews.it 8 dicembre 2016

Ci sono ancora 80 agglomerati, di cui 51 solo in Sicilia, in cui i lo smaltimento delle acque reflue non risponde alle norme comunitarie

Bruxelles – L’Italia deve smaltire le acque reflue in modo tale che non creino danni alla salute umana e all’ambiente. Nonostante il richiamo della Corte di giustizia del 2012, il nostro Paese non ha ancora fatto abbastanza per mettere i suoi depuratori a norma e così oggi da Bruxelles arriva un nuovo deferimento che rischia di costarci caro. La sentenza della Corte chiedeva di mettere a norma il raccoglimento e il trattamento delle acque reflue in 109 agglomerati urbani, ma a 4 anni di distanza solo in 29 casi si è risolto il problema che persiste in 80 zone in cui vivono oltre 6 milioni di abitanti. La regione con la situazione peggiore è la Sicilia, dove devono essere messi a norma ben 51 depuratori, ci sono poi Calabria (13), Campania (7), Liguria (3), Puglia (3), Friuli Venezia Giulia (2) e Abruzzo (1). Questa situazione, scrive la Commissione in una nota, “pone rischi significativi per la salute umana, le acque interne e l’ambiente marino”.

Bruxelles ha chiesto pertanto alla Corte di giustizia dell’Ue di comminare una sanzione forfettaria di oltre 62 milioni di euro a cui si dovrà aggiungere una sanzione giornaliera pari a 346.922 euro qualora la piena conformità non sia raggiunta entro la data in cui la Corte emetterà la sentenza. Leggi tutto

Sicilia. Depuratori: sanzione milionaria della UEultima modifica: 2016-12-09T17:21:40+01:00da aldo251246
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, POLITICA, RASSEGNA STAMPA, ultimissime. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento