Opera Diocesana Assistenza. Inchiesta su alti prelati

tribunale-catania

Catania. L’Arcivescovo accusato di peculato

Un nuovo caso giudiziario nel settore dell’assistenza, stavolta ai disabili, dove, secondo l’accusa della Procura della Repubblica di Catania, che ha concluso le indagini, si sarebbe scavato un buco milionario tra peculato e acquisti immobiliari simulati con pagamenti di canoni mensili d’affitto; il tutto a discapito di fondi pubblici.

Rassegna stampa

Peculato, chiesta archiviazione per arcivescovo di Catania Gristina https://www.lasicilia.it3 novembre 2918

Inchiesta sull’Oda, 4 indagati. http://catania.livesicilia.it/2018/07/19/
Inchiesta sull’Oda, 4 indagati L’Arcivescovo accusato di peculato
ULTIMA ORA di Laura Distefano e Antonio Condorelli
CATANIAPeculato. È questa l’accusa mossa all’Arcivescovo di Catania Salvatore Gristina, indagato insieme ad altre tre persone, nell’ambito dell’inchiesta condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Catania e coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro e il pm Fabio Regolo sulla “governance” dell’Opera Diocesana Assistenza, fondazione direttamente controllata dalla Curia di Catania.
L’Arcivescovo Gristina e Monsignor Russo sono accusati, in concorso, di peculato. Continua a leggere

Pubblicato in "Carità commerciale", Leggiamo & pubblichiamo, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Paolo Borsellino, i figli chiedono la Verita’

Fiammetta e Paolo Borsellino corrierequotidiano.it

Fiammetta e Paolo Borsellino corrierequotidiano.it

Fiammetta Borsellino: depistaggio iniziato nel ’92

‘A 26 anni dalla strage aspettiamo risposte dalle istituzioni’ ANSA

Sono passati 26 anni dalla morte di mio padre, Paolo Borsellino. E ancora aspettiamo delle risposte da uomini delle istituzioni e non solo.”  http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2018/07/18/

Ci sono domande – le domande che io e miei fratelli Manfredi e Lucia non smetteremo di ripetere – che non possono essere rimosse dall’indifferenza o da colpevoli disattenzioni. Domande su un depistaggio iniziato nel 1992, ordito da vertici investigativi ed accettato da schiere di giudici“. Lo scrive Fiammetta Borsellino, figlia del magistrato ucciso da Cosa nostra il 19 luglio 1992 in via D’Amelio, in un intervento su Repubblica in cui pone 13 domande. http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2018/07/18/

Pubblicato in articoli,giustizia, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

“Cari anziani”, soldi e manette per massoni e i(m)prenditori

download

 

 

 

 

Arrestato il Gran maestro Labisi il capo di una potente loggia e alcuni fedelissimi.
Ancora una volta gli anelli deboli della Comunità, anziani, disabili e immigrati, sono al centro delle attenzioni di “lobby e stemmi dal gusto araldico” tutt’altro che disinteressati: stando all’inchiesta della Procura di Catania, più che la salute dei “cari nonni” sono in ballo decine di milioni di euro. Se ciò non bastasse già a disegnare un quadro sociale e imprenditoriale desolante, c’entra pure l’antimafia, quella di facciata, sgretolata da indagini e arresti. Con tutto il doveroso rispetto per le “Novelle” pirandelliane, la realtà rischia di superare il Genio.

To be continued ma non e’ un film…. https://latuavocelibera.myblog.it

Rassegna stampa

Catania. Massoneria, operazione della Dia. ULTIMA ORA http://catania.livesicilia.it/2018/07/10/ di Antonio Condorelli

CATANIA – Terremoto alle falde dell’Etna, il potente massone Corrado Labisi è stato arrestato dalla Procura di Catania guidata da Carmelo Zuccaro

Secondo l’accusa, Labisi avrebbe “gestito i fondi erogati dalla Regione Siciliana e da altri Enti per fini diversi dalle cure ai malati ospiti della struttura Lucia Mangano, distraendo somme in cassa e facendo lievitare le cifre riportate sugli estratti conti accesi per la gestione della clinica, tanto da raggiungere un debito di oltre 10 milioni di euro. Ma non finisce qui. Un’istanza di fallimento è stata chiesta dalla magistratura catanese nei confronti dell’istituto medico psicopedagogico Lucia Mangano, di Sant’Agata li Battiati, che, secondo la Procura distrettuale etnea, ha un ‘buco’ di 10 milioni di euro. L’iniziativa fa seguito a indagini della Dia. L’udienza è prevista per stamattina. Se la richiesta dovesse essere accolta agli indagati potrebbero essere contestati anche altri reati finanziari.

ANTIMAFIA – Corrado Labisi è stato tra i promotori del premio “Livatino, Saetta, Costa”, intitolato ai nostri magistrati uccisi da Cosa nostra. Ogni anno, tra i premiati ci sono stati giudici, esponenti delle forze dell’ordine e delle istituzioni. ULTIMA ORA http://catania.livesicilia.it/2018/07/10/ di Antonio Condorelli Continua a leggere

Pubblicato in "Carità commerciale", "I(m)prenditori & manette...", Antiracket "double face", ARTICOLI, inchieste, Leggiamo & pubblichiamo, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | 1 commento

Giustizia amministrativa: arresti, complotti e minacce tra toghe e i(m)prenditori

"La Giustizia£- I Tarocchi

“La Giustizia” I Tarocchi

“Ecco come esitano certe sentenze…”. Leggiamo, pubblichiamo e non ci stupiamo piu’ di nulla!!
Meno male che la Giustizia e’ amministrata in nome del popolo italiano…

Rassegna stampa

GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA
Ex giudice del Cga arrestato. Mineo accusato di corruzione di Riccardo Lo Verso http://livesicilia.it/2018/07/04/
“È con profondo imbarazzo…”, iniziava così l’esposto che diede il via alle inchieste della Procura di Messina e Roma. Quella messinese oggi porta all’arresto per corruzione di Giuseppe Mineo, ex giudice del Consiglio di giustizia amministrativa siciliana. Lo scorso febbraio erano già finiti nei guai magistrati, avvocati e professionisti.
Si sarebbero messi d’accordo per inventare complotti, aprire fascicoli fantasma, acquisire le carte di altre indagini, minacciare e spiare colleghi, pilotare sentenze amministrative.
http://livesicilia.it/2018/07/04

GUARDIA DI FINANZA

“Corruzione e sentenze pilotate”, arrestato l’ex giudice del Cga Sicilia Giuseppe Mineo http://gds.it/2018/07/04/

La guardia di finanza di Messina ha dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Messina, che ha disposto 2 misure cautelari, una in carcere e una agli arresti domiciliari, nei confronti di Giuseppe Mineo, ex magistrato già in servizio presso il Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Siciliana e Alessandro Ferraro, stretto collaboratore dei legali Piero Amara e Giuseppe Calafiore.

In cambio del suo interessamento nella causa di cui era peraltro giudice relatore Mineo, docente universitario nominato al Cga in quota dell’ex governatore siciliano Raffaele Lombardo, avrebbe chiesto denaro per un amico: l’ex presidente della Regione Giuseppe Drago, poi deceduto nel 2016. Mineo e il politico erano legati da una stretta amicizia.http://gds.it/2018/07/04/

Chi e’ Mineo, ex Giudice CGA arrestato http://www.gazzettadelsud.it

Pubblicato in "I(m)prenditori & manette...", "In che mani è la Giustizia?!!", articoli,giustizia, Giudici & manette, GIUSTIZIA, Leggiamo & pubblichiamo, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Punta Perotti, Italia condannata, violata proprietà privata

3716306591

“Assolti e Confiscati”. Un libro da leggere, per capire e meditare! radiomadeinitaly.it

Caso Punta Perotti – Bari

Strasburgo, 28 giugno – “Giovedì la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha condannato l’Italia per aver confiscato diversi siti di costruzione senza condanna penale ai responsabili, tra cui il sito di Punta Perotti Puglia.” http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/

Gli altri siti erano Golfo Aranci vicino ad Olbia, in Sardegna, e due siti nei pressi di Reggio calabria, Testa di Cane e Fiumarella di Pellaro.

La CEDU ha affermato che le autorità italiane hanno violato il diritto al rispetto della proprietà privata”.

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/

Rassegna stampa

“Assolti e confiscati “- una storia di ingiustizia che si ripete Pubblicato il 6 giugno 2013 https://arig.myblog.it/2013/06/06/

Nessun imprenditore ha mai costruito senza autorizzazioni legittime e legali ma ad un magistrato non costa troppa fatica trovare la pagliuzza nell’occhio ed imbastire un processo come questo che si è concluso dopo quindici anni con la condanna del Governo italiano https://arig.myblog.it/2013/06/06/

Pubblicato in "In che mani è la Giustizia?!!", articoli,giustizia, Hotel San Bartolomeo. Caso giudiziario e documenti, inchieste, Leggiamo & pubblichiamo, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

“Carita’ commerciale”, arresti, frode & truffa

Migra

Migranti – Fonte Internet

Latina, immigrati maltrattati e strutture sovraffollate: arrestati gestori centri di accoglienza https://www.ilmessaggero.it 26 giugno 2018

Rassegna stampa

Immigrati maltrattati e ospitati in strutture sovraffollate e con carenze igienico-sanitarie: lo ha scoperto la Polizia che ha arrestato sei persone responsabili di Onlus operanti nella gestione di diversi Centri di accoglienza straordinaria (Cas) in provincia di Latina.

I reati ipotizzati nei confronti dei presunti responsabili sono, a vario titolo, falso, truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture, maltrattamentihttps://www.ilmessaggero.it 26 giugno 2018

“Carita’ commerciale”, sistema criminale al centro accoglienza, 5 arresti

Pubblicato in "Carità commerciale", RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Amatrice. Processo, non rispettata legge antisismica

Amatrice, la scuola dopo il sisma

Terremoto: crollo case popolari ad Amatrice, 5 a processo
Morirono 18 persone e tre rimasero ferite http://www.ansa.it/21 giugno 2018

Rassegna stampa
(ANSA) Secondo le conclusioni delle indagini tecniche e degli accertamenti condotti dai pm Rocco Gustavo Maruotti e Lorenzo Francia, le due palazzine furono costruite con materiali inadeguati, pilastri troppo sottili, armature esigue e calcestruzzo a bassa resistenza.http://www.ansa.it/21 giugno 2018

Sisma: fari sulla legge antisismica, dopo il terremoto https://latuavocelibera.myblog.it 26 agosto 2017

Terremoto: pm Rieti “non rispettata legge antisismica” https://latuavocelibera.myblog.it/ 25 agosto 2017

Pubblicato in RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

“Carita’ commerciale”, sistema criminale al centro accoglienza

Libia-Migranti in cammino (fonte Internet)

Libia-Migranti in cammino (fonte Internet)

 

 

 

 

 

 

Migranti: lucravano su accoglienza, 5 arresti

Anche funzionario pubblico e impiegato ministero Giustizia http://www.ansa.it/ 21 giugno 2018

L’indagine, coordinata dalla Procura di Benevento, ha avuto origine da un esposto e ha fatto luce su una serie di gravi comportamenti illeciti riguardanti la gestione dei centri di accoglienza per migranti della Provincia di Benevento.

Le investigazioni hanno permesso di ricostruire un sistema criminale che lucrava sulle assegnazioni pilotate dei migranti, sul sovraffollamento dei centri e sulla falsa attestazione di presenze degli ospiti, con la connivenza di alcuni pubblici dipendenti. http://www.ansa.it/ 21 giugno 2018

Pubblicato in "Carità commerciale", RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Bari. 100 arresti tra mafia e antiracket

3716306591

OPERAZIONE PANDORA
In carcere uomo dell’antiracket http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/
Rassegna stampa
Mafia, oltre 100 arresti a Bari clan alleati con Società e Scu . Il provvedimento scaturisce da un’indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari, che ha ricostruito gli assetti organizzativi, le attività criminali e la capacità di infiltrazione dei clan nel tessuto economico e sociale della città e della provincia di Bari.
GRAVISSIMO PROCURA BARI SENZA SEDE – «Bari è una Procura di punta nel contrasto alle mafie. Lasciarla priva di una sede, senza gli elementi necessari per sviluppare il proprio lavoro, è gravissimo». Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, intervenendo a Bari alla conferenza stampa sugli arresti per mafia eseguiti oggi dai Carabinieri del Ros nei confronti di oltre 100 affiliati ai clan Capriati e Diomede-Mercante. http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/

Ansa LIVE. Operazione dei carabinieri nella citta’ pugliese e in tutta Italia https://www.msn.com/it-

Pubblicato in "I(m)prenditori & manette...", Antiracket "double face", Boss & professionisti, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Lampedusa. Processo “alla cricca del Comune”.

imgres

La requisitoria del Pm: soldi per gli avvocati dell’ex sindaco; anomalie sui lotti venduti; “il gioco del sindaco da eleggere”…

La “cricca” del Comune verso il verdetto.

il pm: “Lampedusa isola a sè per anni”. Associazione a delinquere. http://www.agrigentonotizie.it 14 giugno 2018

 “Lampedusa è stata una Repubblica a sé dove non vigevano le leggi dello Stato italiano ma comandava un’organizzazione criminale con a capo il sindaco e due funzionari pubblici infedeli”. Il procuratore aggiunto Salvatore Vella inizia con toni durissimi la requisitoria del processo alla cosiddetta cricca che, per almeno tre anni, a partire dal 2008, quando a capo del Comune c’era Bernardino De Rubeis, oggi in carcere per scontare una condanna a sei anni e nove mesi per concussione, avrebbe gestito lavori pubblici ed edilizia con un articolato giro di tangenti.

“Il simbolo di questo processo – ha detto Vella – è il video in cui il dirigente dell’Ufficio tecnico Giuseppe Gabriele incassa una tangente dall’isolano Francesco Cucina, incaricato della raccolta dei soldi dei vari imprenditori”. http://www.agrigentonotizie.it 14 giugno 2018

Poi, il pubblico ministero aggiunge: “Dalle intercettazioni emergono come l’ex sindaco chieda in continuazione soldi” http://www.agrigentonotizie.it 14 giugno 2018

Pubblicato in "Amministrazioni allegre", "I(m)prenditori & manette...", articoli,giustizia, Comuni & inchieste, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

ANAC. Appalti “regole chiare e lotta alla corruzione”

images

 

 

 

 

Cantone: su appalti regole chiare ma no a retromarcia

Rassegna stampa

CORRUZIONE. CANTONE: REGOLARE LOBBY E FONDAZIONI POLITICHE giovedì 14 giugno 2018 (DIRE) Roma: “Sul piano della prevenzione sarebbe certamente utile un intervento regolatorio, da tempo atteso, sulle lobby e sulle fondazioni che si occupano di politica“. http://www.regioni.it

LA RELAZIONE ANNUALE. Anac, nel 2017 appalti per 139 mld. Cantone: «Regole chiare ma no a retromarcia» –di Nicola Barone 14 giugno 2018 http://www.ilsole24ore.com/

La materia degli appalti «ha certamente bisogno di scelte chiare da parte del nuovo legislatore» e «il rilancio del sistema dei lavori pubblici necessita non solo di regole semplici e comprensibili, ma anche stabili, per consentire alla burocrazia il tempo di digerirle per applicarle in modo corretto», annota il presidente dell’organismo Raffaele Cantone.
Nel 2017 pervenute oltre 5mila segnalazioni
Sono pervenute in un anno all’Anac oltre 5.190 segnalazioni concernenti appalti di lavori, servizi e forniture, con un ulteriore incremento rispetto ai 4.372 del 2016. Nel dettaglio, per il settore dei lavori, risultano pervenuti circa 1.700 esposti e aperte 500 istruttorie…http://www.ilsole24ore.com/
ANAC NEL MIRINO SUL DOSSIER APPALTI. Conte sente Cantone: rafforzare la lotta alla corruzione di Andrea Gagliardi 07 giugno 2018 http://www.ilsole24ore.com/

Pubblicato in ARTICOLI, inchieste, Leggiamo & pubblichiamo, POLITICA, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento

Ustica. “La Verita’ viene a galla”, l’avevamo detto…

Fonte http://www.usticasape.it/

Ustica. Cantiere Scuole medie. Foto blog Ustica sape

Ustica, il paradosso della legge applicata alla rovescia: L’Hotel San Bartolomeo 4 stelle fatto chiudere da un’Ordinanza sindacale del Comune “per abusivismo” pur avendo ottenuto l’autorizzazione del parere preventivo del Genio Civile di Palermo, con successivo Nulla Osta Certificato di Conformita’ ex L. 64/1974 in zona sismica. Il cantiere delle Scuole Medie avviato dal Comune bloccato perche’ il MIUR ordina la decadenza del finanziamento CIPE di 4milioni330mila euro , non avendo ottenuto l’autorizzazione del parere preventivo del Genio Civile di Palermo ex L. 64/1974 in zona sismica.
Ignorantia legis non excusat, e a rimetterci sono gli onesti cittadini e i ragazzi di domani.

Dalle pagine digitali di questo blog, da ben 12 anni on line (di cui 5 su WordPress), si è deciso, sapendo bene di dover combattere in un campo di battaglia asserragliato da lobby e stemmi dal gusto araldico, di “dare voce alla Verita’” di quei casi giudiziari irrisolti ora per malagiustizia, ora per imperizia, ora per tornaconto; ora (peggio) per quieto vivere. Lo abbiamo fatto sfogliando la cronaca giudiziaria e riportandola in una “Rassegna Stampa” tagliata e cucita seguendo il filo rosso della corruzione trasversale al censo e alla alte cariche, insieme a quello della prevaricazione sui diritti costituzionalmente difesi del singolo cittadino e, ciononostante, stracciati e svenduti nei mercati dell’opportunismo e dell’affarismo (dalle aule giudiziarie ai settori imprenditoriali).

imgres

Il motore primo dei casi giudiziari trattati è stato ed è quello dell’Hotel San Bartolomeo 4 stelle di Ustica, sia perchè si era in possesso di documenti che ne fanno il caleidoscopio della erronea disapplicazione, da parte della P.A. locale e di alcune toghe, civili e amministrative, sistematicamente calcolata, di leggi e di regole in ambito di edilizia in zona sismica, oltre che di quelle della civile convivenza (con l’esercizio del discredito personale e delle minacce verbali e agite). Sia perchè, con resilienza, si è confidato nel fatto che, dopo oltre tre lustri, la Verità sui fatti che hanno decretato l’ingiusta chiusura di un fiorente albergo “per un abusivismo presunto”, con ricaduta negativa su tutta la Comunità, sarebbe, a ragione, riemersa dagli stratificati e arzigogolati intenti di insabbiamento profusi da fantasiose menti giuridiche, purtroppo, suggerite da sindaci, tecnici e avvocati per niente lungimiranti.
Dopo questa dovuta premessa, il motivo di questo post è l’odierna notizia sull’annullamento, da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca, del finanziamento CIPE di euro 4milioni330mila per la messa in sicurezza che, nel 2014, era stato decretato per il plesso scolastico (“di dimensioni piccolissime”) della scuola media dell’Isola.

KLICCA La scuola media incompiuta di Ustica. Il Miur revoca 4 milioni di euro di Agnese Licata http://www.rainews.it/ 9 luglio 2018 Continua a leggere

Pubblicato in "Scuole abusive". inchieste, ARTICOLI, Attualità, Comuni & inchieste, comunicati, Hotel San Bartolomeo. Caso giudiziario e documenti, Leggiamo & pubblichiamo, RASSEGNA STAMPA, riceviamo e pubblichiamo, STORIE VERE, ultimissime, Ustica | 1 commento

Ustica Hotel San Bartolomeo, regolarità urbanistica, sismica, e sicurezza antincendio

 RICHIESTA ACCESSO ATTI VVFF PER FACEBOOK (fonte https://arig.myblog.it)  A ulteriore dimostrazione della piena regolarità dell’Hotel San Bartolomeo di Ustica (ultimato in data 24/11/1982 secondo Legge sismica n. 64/1974), si pubblica la “certificazione di prevenzione incendi” accertata dal Sig. Baldassare Bonura, in data 28 agosto 2017, in sede di regolare “Accesso Atti “ presso il Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Palermo.
Quindi OGGI gli Uffici della Protezione Civile, così come quelli del Genio Civile di Palermo, hanno confermato la “pratica edilizia dell’ “Hotel San Bartolomeo” con il relativo rilascio di autorizzazione del 4/08/1984.

Frontespizi Prog e Calcoli CA B_Pagina_1Frontespizi Prog e Calcoli CA B_Pagina_2

Frontespizi Prog e Calcoli CA B_Pagina_3Frontespizi Prog e Calcoli CA B_Pagina_4

Anche questi documenti sono stati immediatamente trasmessi alla Prefettura di Palermo, agli Organi di controllo e nelle sedi civili e penali dove sono attualmente pendenti i processi tra il Sig. Bonura Baldassare e la PA di Ustica.

Le attestazioni documentali ottenute nel corso del 2017, ed altre ancora in corso di accertamento tecnico, spiegano lo stizzoso quanto pedissequo silenzio tenuto invece dagli Uffici dell’UTC di Ustica al quale, in pari data, è stata fatta da Baldassare Bonura regolare richiesta di Accesso Civico Generalizzato ( di seguito pubblicato), per visionare la “pratica edilizia Hotel San Bartolomeo n.331 del 31 agosto 1978”. La suddetta richiesta illegittimamente è rimasta inevasa quanto dall’UTC quanto dall’uscente Sindaco pro tempore di Ustica.

Accesso civico generalizzato agli atti Comune di Ustica_Pagina_3

Accesso civico generalizzato agli atti Comune di Ustica_Pagina_2

accesso atti oscurato

Pubblicato in Hotel San Bartolomeo, STORIE VERE, ultimissime, Ustica | Lascia un commento

Vivi nella memoria del lavoro svolto

 

download

Gli uomini vivono nel ricordo delle azioni compiute nel passato, lasciando un esempio da seguire e condividere nello scorrere del tempo futuro, ogni giorno…

falcone-e-borsellino

Pubblicato in ultimissime | Lascia un commento

Montante. Marino: “Stato Incapace e silente”.

3716306591

Rassegna stampa
Lo afferma, in una nota, il magistrato Nicolò Marino, ex assessore regionale all’Energia della giunta Crocetta, parte lesa nell’inchiesta della Procura di Caltanissetta sul cosiddetto “sistema Montante“.

CALTANISSETTA L’inchiesta Montante, Marino: “Stato incapace e silente”.
http://livesicilia.it/2018/05/21/

E – sostiene Marino – non si dica: ‘aspettiamo l’esito dei processi” perché, prescindendo da questi, due dati sono certi: che Montante dialogava con esponenti della criminalità organizzata e con uomini dello Stato. E qui non c’è niente da attendere: minacciava chi non stava con lui, controllava giornalisti, trovava spazio fra le forze dell’ordine che facevano a volte anche indagini per suo conto contro nemici dichiarati o presunti – aggiunge Marino – e aveva facile accesso in alcune Procure e a server per accedere a banche dati delle imprese; faceva sottoscrivere esposti al Parlamento nazionale per impedire la conversione in legge del ‘decreto sull’emergenza sull’intero ciclo dei rifiuti nella città di Palermo e, limitatamente all’impiantistica, sul restante territorio siciliano“. “Abbiano le istituzioni il buon gusto – conclude – di non rispondere ‘che si è approfittato della buona fede altrui”.

Montante, dicono i Pm: “svolta legalitaria di facciata”

Pubblicato in "I(m)prenditori & manette...", Antiracket "double face", Leggiamo & pubblichiamo, RASSEGNA STAMPA, ultimissime | Lascia un commento